Storia del farmaco: Coumadin®

Una delle cose più affascinanti della medicina è come la casualità, ma anche l’ingegno e il lavoro dei ricercatori possa passare da fatti curiosi ad alcuni dei più importanti medicinali che usiamo ancora oggi.

Il primo articolo di questa categoria è il più famoso dei “vecchi” anticoagulanti, ovvero del Coumadin

Il principio attivo è il warfarin, e la sua storia inizia tra le due grandi guerre nell’America del Midwest.

Grandi praterie e fattorie, ricche di bestiame e pascoli.

Gli allevatori notarono una anomala moria dei loro bovini a causa di insolite ed inarrestabili emoraggie.

Dopo alcuni anni i contadini notarono che quando un particolare trifoglio, facente parte dell’alimentazione insieme alle altre erbe del bestiame, giunge al momento della sua maturazione, iniziava la malattia emoraggica.

Nel 1933 Ed Carlson, allevatore, decise di vederci chiaro portando agli scienziati dell’università del Wisconsin quello che potesse aiutarli a capirci qualcosa: il sagnue non coagulato, la carcassa dell’animale ed il relativo foraggio.

Il biochimico Karl Link fu incuriosito dalla storia dell’allevatore ma si arrivò alla causa solo dopo sette anni con l’isolamento del dicumarolo come agente chimico responsabile dell’azione anticoagulante.

Al seguito di questa scoperta, una variante del dicumarolo, una molecola che sarà chiamata warfarin, data la sua particolare affinità ai roditori sarà largamente ed ancora oggi, usata come topicida.

La capacità di anticoagulante risultò evidente anche in medicina e nel 1954 venne dato il nome commerciale di Coumadin ma i medici stessi non erano convinti nella prescrizione di un topicida sull’uomo finchè il presidente degli Stati Uniti, pressato dagli impegni del dopoguerra e della crescente guerra fredda con l’URSS, Eisenhower non chiese il migior farmaco in commercio per curare la sua trombosi coronarica.

Questo fu l’evento apripista per l’utilizzo su scala mondiale alla prescrizione del warfarin.

Negli ultimi anni una nuova generazione di farmaci chiamati NAO (Nuovi anticoagulanti orali) sta soppiantando la vecchia generazione di TAO (Terapia Anticoagulante orale) tra cui warfarin, acenocumarolo, ma questa è un’altra storia.

Vi lascio linkato qua sotto questo bellissimo filmato animato di Nature che ripercorre quanto detto.

Iscrivetevi sulla pagina facebook e lasciate un like se vi è piaciuto.

 

 

Don`t copy text!