Prurito, quali cause?

Non ti è mai capitato indossando quel vecchio maglione di lana di avere prurito sulle braccia e anche sulla schiena? Il prurito è la voglia improvvisa a grattarsi, a cercare di fare sparire quella senzazione fastidiosa come dopo una puntura di insetto ma ha origine dalle cause più varie: allergie di tutti i tipi, infezioni da parassiti o funghi, o più comunemente specie negli anziani la secchezza.

Dividerei “il prurito” in quattro aree per localizzazione:

  1. Generale: succede quando si è un soggetto allergico e si è venuto con qualche sostanza che scatena queste reazioni come dermatiti pruriginose, anche inconsapevolmente.
    1. interrompere l’assunzione di alimento o del farmaco che ha scatenato la reazione. Può essere assunto un antistaminico come lo Zirtec® in automedicazione se si è sicuri che questa sia la causa
    2. malattie come rosolia, morbillo o varicella ma sono accompagnate dalle caratteristiche macule e pustole sulla pelle. Essendo cause virali occorre attendere che la malattia faccia il suo corso e si può tamponare con creme apposite o del buon vecchio talco mentolato
    3. secchezza della pelle specie in soggetti anziani, per cui occorre un’ottima crema con effetto idratante e duraturo più che un antistaminico
  2. Localizzate: l’eziologia potrebbe ricondursi ad un fungo o ad una puntura di insetto
    1. fungo: usiamo delle creme antimicotiche se non è troppo esteso oppure dobbiamo sentire il medico per valutare un’azione più drastica con farmaci per via orale (sono molto cari ma per fortuna sono mutuabili!)
    2. insetti: una crema ad azione locale antistaminica per piccole aree, con cortisone e antibiotico se necessario e ci sono anche rigonfiamenti. Il ricorso dal medico o pronto soccorso è d’obbligo o in pronto soccorso se sapete esempio di essere allergici alle api e vi ha appena morso una di queste e rischiate uno shock anafilattico
  3. Aree intime: quasi sempre sono causate da agenti esterni, per la troppa sudorazione o perfino per troppa igiene batteri o funghi scatenano delle reazioni locali molto molto fastidiose. Sconsiglio l’uso di semplici anestetici, mi viene in mente il vagisil®, ma cercare di andare all’origine della causa come candidosi, o altri parassiti e utilizzare i prodotti opportuni in base ai sintomi (perdite, macchie cutanee, crosticine ecc..) di cui i più famosi canesten® nelle sue specifiche versioni. La detersione con il sapone 1 sola volta al giorno, finchè volete con l’acqua.
  4. Capelli: l’origine è il cuoio capelluto sebaceo che facilita la proliferazione dei batteri e causa la forfora nei suoi vari gradi di severità: non basta lo shampoo apposito se avete forte prurito ma ci sono creme specifiche per ridurre la voglia di grattarsi, chiedete consiglio al vostro farmacista ce ne sono veramente tante, a me viene in mente il Kelual PSO della Ducray ma potrei citarvene decine.

Spero di esserti stato d’aiuto. Mettimi un like sulla mia pagina facebook o salva questo sito tra i preferiti e se ti è piaciuto seguimi per rimanere sempre aggiornato.

Il vostro farmacista o medico di fiducia senz’altro sapranno consigliarvi al meglio

Don`t copy text!