Influenza o Covid19?

Si, sarò polemico, tanto e molto. Partiamo dal titolo: influenza o covid19: parliamo come di consueto di casi lievi o al massimo moderati, i gravi purtroppo è chiaro che è Covid. La cronologia di comparsa dei sintomi pur essendo lievemente diversa, solo un medico e non di sicuro con una telefonata come ormai avviene nel 90% dei casi (non me ne voglia la categoria ma se i pazienti vengono alla ricerca di chiarimenti in farmacia/parafarmacia io un paio di domande me le farei) può discriminare tra le due e solo un tampone può dare esito di influenza o di covid19. Quindi vai di antibiotici, cortisone e quant’altro. La pura e nuda verità è che quest’anno l’influenza sembra passare inosservata. Le misure per il Covid fermano anche e meglio l’influenza avendo un indice di trasmissibilità almeno sulla carta inferiore al coronavirus. Al calderone aggiungiamo che quest’anno di vaccini antinfluenzali sono stati pochissimi perchè sono arrivati con il contagocce, per cui mi metto a ridere quando sento il commissario Arcuri [Per il suo ruolo di commissario straordinario per le terapie intensive, può contare su uno staff formato da 39 persone ma al momento non è stato reso noto se questo incarico è svolto in maniera gratuita o se è previsto un compenso] dice che riusciranno a vaccinare tutti entro l’anno, e non entro in polemica sul vaccino se no non ne usciamo più…la storia dei banchi a rotelle vi ricorda qualcosa?

Quindi se ho mal di gola, tosse, febbre, mancanza di gusti e olfatto? Se non sei stato per troppo tempo al freddo o pioggia o neve nei giorni scorsi il Covid è almeno la diagnosi più probabile.

Però chi vuole rimanere a casa in attesa del tampone sotto le feste? Allora ecco, non tutti per fortuna, l’idea: non avviso il medico (che tra feste ponti pontini e befane non ci sono mai) che non mi attiva la procedura di tampone e isolamento, vado pesante di paracetamolo [tachipirina (r) che tra l’altro è mancante in questo periodo presso i grossisti (ma va?)] e così posso andare a far girare l’economia. Sono giovane, mica mi ammalo. Bravo il mio untore. Salviamo il Pil, un po’ meno la sanità. Poi tutti quelli che vanno con la mascherina con il naso di fuori si dimenticano che così è come non averla, chi fuma in mezzo alla folla, e ci stupiamo che la scrupolosa Inghilterra volge al terzo lockdown “duro”. E ci stupiamo se anche noi tra un paio di settimane torneremo in un nuovo lockdown. E via per il 2021, 2022, ecc…

Adesso la notizia più bella: quanto ci vuole per avere l’immunità di gregge? 1 anno? 2 anni? Se il virus non mutasse l’avremmo già. Ma il virus muta.

Influenza o Covid non importa, l’importante è essere responsabili, per sé, per gli altri.

Restate sintonizzati. Vi aspetto sui canali social per commentare, criticare, sfogarvi e dire la vostra!

Protezione Copyright Attivata!