Il Bugiardino

In tv quando sponsorizzano un farmaco tutta la durata dello spot è incentrata sull’effetto curativo mentre alla fine sentite per quel brusio incomprensibile che dice “leggere attentamente le avvertenze e le modalità d’uso […]”

Perché il consumatore di un farmaco dovrebbe essere informato e in che modo?

Il foglietto illustrativo descrive sinteticamente tutte le caratteristiche del medicinale che stiamo per andare ad assumere, ovvero il principio attivo, le indicazioni, eccipienti, interazioni con altri medicinali, la posologia, precauzioni nell’utilizzo, controindicazioni ed effetti collaterali. In merito a questi ultimi vengono riportati in seguito a segnalazioni riportate dalla farmacovigilanza o dagli studi eseguiti prima di mettere in commercio il farmaco e se lette a fondo porterebbero chiunque soprattutto soggetti ipocondriaci a non assumere nessun farmaco.

Da qui nasce l’esigenza di leggere con un certo distacco il foglietto illustrativo e l’origine del nome comune di bugiardino, è perché sia tramite gli spot che le campagne informative presso i medici si tende sempre ad esaltare le caratteristiche positive del farmaco dimenticandosi quasi di elencare gli effetti collaterali o le limitazioni, quindi più che piccole bugie potremmo definire degli omissis questa abitudine che potrebbe compromettere le vendite del medicinale.

Quindi la prossima volta che vedrete uno spot in tv per questo o quel problema, prima di acquistare il farmaco d’impulso chiedete consiglio al vostro farmacista. Molte indicazioni sul bugiardino rimangono comunque di difficile comprensione per la gente comune ed uno dei nostri ruoli oltre che a dispensare le medicine dovrebbe essere quello di aiutare il cliente a capire ed essere consapevole di quello che andrà a utilizzare, prevenendo abusi o valutando interazioni con altri farmaci che già assume.

Rispondi