Perché lo stress fa ingrassare

Lo stress è una realtà che colpisce quasi tutti oggi giorno. A volte, quando diventa cronico, è normale che il nostro corpo inizi a soffrire dei cambiamenti. Quando siamo stressati, ci rifugiamo nel cibo senza nemmeno accorgercene… e ingrassiamo.

Lo stress è un segnale del corpo che ci avvisa che qualcosa attorno a noi non va bene e rappresenta una minaccia per noi: il corpo ci spinge, in qualche modo, a dare una risposta a tale situazione. I nostri antenati vivevano in costante pericolo di vita, pericolo che dovevano essere in grado di riconoscere, in modo da evitarlo, per poter sopravvivere. Oggigiorno, questa sensazione di pericolo, di stress, non è più legata a tali stimoli fisici, si tratta più di una dimensione psicologica: un problema familiare, personale, lavorativo… Lo stress, pertanto, provoca evidenti cambiamenti nel nostro organismo e l’aumento di peso è proprio uno di essi.

La costante tensione e l’esposizione prolungata a stress psico-fisico creano un innalzamento nella secrezione di cortisolo che facilita l’aumento di peso ed incrementa l’accumulo di zucchero nel sangue, causando insulino-resistenza, diabete e sovrappeso.

Il cortisolo, attinge grasso e glucosio dal tessuto adiposo e lo libera nel flusso sanguigno.

L’attività dell’insulina, ormone responsabile di trasportare il glucosio dal flusso sanguigno alle cellule per immagazzinarlo, viene inibita dal cortisolo in modo che il grasso ed il glucosio del sangue vengano utilizzati come fonte d’energia nei tessuti che ne hanno bisogno.

L’attività basica del sistema nervoso simpatico aumenta, in particolare nelle persone diabetiche, provocando casi di obesità in situazioni di stress.

Si avverte una maggiore voglia di consumare i cosiddetti “cibi confortanti”, ricchi di grassi e zuccheri. Si tratta di alimenti che agiscono come oppiacei per il cervello.

Inoltre, influenza la peristalsi intestinale, portando un rallentamento (stipsi) o un aumento (diarrea) del transito intestinale ed un aumento dei gas nel colon che provoca “ il fastidioso gonfiore addominale”. Sembra poi che lo stress non solo possa indurre a mangiare di più ma che faccia anche assimilare di più quello che si mangia.

L’ormone neuropeptide Y (NPY), permette l’accumulo di maggiori quantità di grasso nelle cellule del tessuto adiposo, in particolare attorno alla vita, conferendo quella forma a mela (obesità centrale) che è legata a ipertensione, diabete, malattie cardiovascolari.
In uno studio, pubblicato sulla rivista Nature Medicine, condotto dall’equipe di Z. Zukowska è emerso che i topi ingrassano di più in condizioni di stress emotivo o fisico.
Sembra, infatti, che il neuropeptide Y, finora noto per il suo ruolo di controllo dell’appetito, abbia un secondo ruolo extra-cerebrale, prima sconosciuto, a livello dei nervi periferici che innervano il tessuto adiposo. Lo stress attiverebbe questi nervi al rilascio di NPY che stimola l’accumulo di grasso. Questo effetto diventa ancora più marcato quando si è presi da ‘fame nervosa’ e si mangia troppo. “Abbiamo visto che se mangi il doppio delle calorie a causa dello stress – spiega Zukowska – il corrispondente aumento di peso non sarà di due volte (cioè equivalente all’ammontare delle calorie ingerite) ma quattro volte tanto”, come se si assimilasse il doppio.

Ma ci sono anche alcuni soggetti che in periodi di stress tendono a dimagrire; perché?
C’è una spiegazione anche per loro: i loro nervi periferici rilasciano un altro messaggero chimico, la noradrenalina, che al contrario di NPY induce a bruciare più grassi.
Lo stress, quindi, può essere un fattore importante da considerare nei programmi che promuovono una sana alimentazione.

Ignorando lo stress, definendolo “normale”, o cercando di accettarlo, non aiuterà a farlo sparire dalla vostra vita. In realtà, una ricerca svolta presso l’Università del Kentucky suggerisce che per perdere peso è più importante imparare a gestire lo stress e cercare di eliminarlo piuttosto che imparare tutte le migliori strategie alimentari e fare diete… stressanti. Perciò, ogni tanto concedetevi una pausa dalla vostra vita: ve la meritate!

La soluzione migliore consiste sicuramente nel risolvere la causa dello stress: essere in grado di identificarne la fonte e gestire il problema in modo adeguato. Stabilire un equilibrio nella nostra vita personale sapendo anteporre le nostre priorità, ci aiuterà ad affrontare a poco a poco il problema. Questo è il primo passo da fare, ma vediamo insieme quali punti dobbiamo essere in grado di affrontare per evitare che lo stress ci faccia ingrassare.

 

Rispondi