Tartufo bianco d’Alba: un vero elisir di bellezza ed un neurocosmetico

Oro, diamanti, caviale, zafferano e tartufo: che sia questa, fatta di ingredienti rari e preziosi, la ricetta dell’eterna giovinezza?

Oggi la cosmetica cerca sempre di più soluzioni efficaci e durature per ridare nuova vita alla nostra pelle e si affida spesso ad ingredienti ricercati e lussuosi. Ma è solamente un’evoluzione moderna delle abitudini che risalgono all’antico Egitto dove il corpo era considerato un luogo sacro, la “casa dell’anima immortale”, e dove ogni giorno la regina Cleopatra esigeva di fare il bagno nel latte d’asina e non passava notte senza indossare una maschera d’oro sul viso per aumentare il suo fascino.

Tutti sanno che il tartufo rappresenta uno dei cibi più pregiati ed è il simbolo per eccellenza del lusso nell’ alta ristorazione.

Negli ultimi anni però, la ricerca medica, ha iniziato ad utilizzare il tartufo con estremo successo anche in campo medico ed estetico. Tant’è vero che sono sempre più le persone che, per le sue straordinarie proprietà benefiche, l’hanno apprezzato a tal punto da inaugurare quella che ormai è definita la “tartufoterapia”o “truffle-therapy”.

A questo preziosissimo tubero erano già stati riconosciuti degli effetti antidepressiviafrodisiaci non indifferenti. Poi i ricercatori delle Università di Genova, di Ferrara, di Catania e di Pavia hanno compreso la sua estrema efficacia anche in campo medico ed estetico tanto da ribattezzarlo come “l’alleato numero uno della bellezza”. Gli studi e le ricerche si sono moltiplicati e le Università hanno creato vere e proprie “ricette” per il benessere della pelle.

Il tartufo è un tubero ricchissimo di amminoacidi, minerali, oligoelementi e derivati dello zucchero, che idrata, leviga e protegge la pelle dalle aggressioni. La sua elevata concentrazione di sostanze antiossidanti, che aiutano a combattere l’invecchiamento ed a contrastare la formazione di radicali liberi, poi, lo rende un trattamento anti-età naturale, un efficace riparatore dei danni della pelle causati dall’acne ed un buon schiarente e anti-macchia ad effetto tensore grazie ad un enzima che regola la produzione di melanina (le macchie cutanee altro non sono che un accumulo di melanina).

Ricco soprattutto di LisinaMetionina (che sono degli aminoacidi essenziali), l’indice di qualità proteica del tartufo è di tutto rispetto così come il suo effetto lifting derivante proprio dagli aminoacidi essenziali sopra citati, che agiscono da sostanze stimolanti, distensive e nutrienti. Il suo notevole apporto di minerali e fibre contribuisce a rivitalizzare e rigenerare la pelle.

Gli acidi grassi insaturi, tra i quali l’acido linoleico, ne completano gli effetti idratanti e anti-age.

Insomma, nel tartufo sarebbero contenuti i segreti del perfetto trattamento antirughe che nulla ha da invidiare al Botulino.

Dai numerosi test effettuati risulta che le sue proprietà lenitive sono essenziali anche nella rigenerazione della pelle in seguito a cure farmacologiche piuttosto aggressive e per questo motivo le creme ed i sieri a base di tartufo vengono oggi prescritti dai migliori dermatologi come veri e propri trattamenti curativi, andando addirittura al di là del semplice aspetto estetico.

La vera star è l’estratto naturale (non l’aroma di sintesi) del Tuber Magnatum Pico: il tartufo bianco d’Alba. Oltre a gratificare i palati più raffinati, questo raro tubero piemontese vanta proprietà antidepressive e contiene feromoni naturali, sostanze erotizzanti capaci di stimolare e predisporre ai piaceri dei sensi.

La capacità dei cosmetici a base di tartufo di coniugare natura e scienza, piacere e performance, rappresenta un approccio innovativo alla bellezza: oggi prendersi cura del corpo abbracciando lo spirito non è più un’utopia, ma un comodo trattamento estetico da fare a casa in ogni momento.

Quando si parla di connessione tra pelle e sistema nervoso si parla di neurocosmesi, un innovativo approccio alla bellezza in continua evoluzione che sfrutta formulazioni cosmetiche che vanno ad agire direttamente sul sistema nervoso, con esiti a favore dell’umore.

La neurocosmesi è la cosmesi che sfrutta i benefici effetti derivanti dall’interazione tra pelle, olfatto ed emozioni. Cioè tra pelle e sistema nervoso.

Le creme a base di tartufo sono quindi dei veri e propri prodotti neurocosmetici, che utilizzano principi attivi di origine vegetale e agiscono favorendo il rilascio di dopamina e serotonina, comunemente noti come neurotrasmettitori del buonumore (preposti cioè a produrre le endorfine del buonumore).

Oggi la nuova parola d’ordine in campo cosmetico è “neurocosmesi”. Un nuovo approccio alla bellezza basato su formule che agiscono positivamente sul sistema nervoso e quindi danno una carica di energia e ottimismo. Creme e make-up di ultima generazione sono in grado di dare quella marcia in più al nostro umore e al nostro corpo.

 

Rispondi