Macchie brune sulla pelle ed esposizione al sole, come comportarsi

Gli inestetismi della pelle sono fra le problematiche estetiche più incresciose. Fra le imperfezioni più comuni vanno menzionate le macchie.

La comparsa di macchie brune sulla pelle è dovuta al fenomeno dell’iperpigmentazione cioè quando la produzione di melanina è troppo alta o mal ripartita: gli accumuli di melanina si manifestano, infatti, come macchie. Le cause delle macchie solari, melasma o cloasma, sono principalmente da rintracciarsi nella familiarità che rende alcuni soggetti più sensibili, rispetto ad altri che non hanno una predisposizione genetica, a manifestare macchie scure sulla pelle.

Tra le cause responsabili di questo fenomeno ci possono essere:

L’esposizione prolungata e senza protezioni al sole

Gli squilibri ormonali (gravidanza, menopausa etc. etc.)

Assunzione di medicinali

Utilizzo di creme profumate e profumi

Lo stress 

Le macchie solari sulla pelle, sono causate dal melasma detto anche cloasma, che è un inestetismo della pelle dovuto all’esposizione dei raggi del sole e delle lampade abbronzanti. Tali raggi, colpendo la pelle non adeguatamente protetta da crema o filtri solari, stimolano la produzione di melanina nella cute, responsabile della tanto agognata tintarella.

Una volta abbronzate, il colore della pelle sembra omogeneo e compatto, ma dopo 3-4 settimane dall’ultima esposizione al sole, ecco che possono comparire delle macchie scure di varie forme e colori, causate dall’eccessiva produzione di melanina che si è concentrata in particolari punti come le guance, gli zigomi e il labbro superiore con la classica forma del baffetto. Tale pigmentazione anomala, che dà origine al cloasma, sarebbe quindi la conseguenza di un’eccitazione di alcune terminazioni nervose localizzate in alcune zone, riconducibile ad una situazione di stress. Infatti, non è insolito la comparsa di melasma o cloasma in donne colpite da un forte stress emotivo e psicofisico.

I rimedi per trattare e curare le macchie solari sul viso e sulla pelle, partono dalla prevenzione che significa proteggere sempre la pelle quando ci si espone al sole. Bisogna proteggere la pelle con creme solari con fattore di protezione elevato (fattore 50 o più), non profumate; non bisogna esporsi durante le ore più calde o, se proprio non si può evitare, bisogna utilizzare altri presidi di protezione come precauzione quali occhiali e cappelli. Attenzione però perché alcuni prodotti, incluse delle creme solari, possono far peggiorare il melasma: se sono profumate o contengono sostanze fotosensibilizzanti. Per evitare questo bisogna leggere l’elenco delle sostanze contenute nel prodotto specifico, o meglio affidarsi alla prescrizione del dermatologo. Evitare l’uso di autoabbronzanti se già presenti delle macchie perché le renderebbero più scure e intense.

La scelta giusta davanti alla comparsa delle prime macchie è quella di affidarsi a un trattamento specifico che sarà in grado di regolare la produzione di melanina limitandone la comparsa e schiarendo le macchie già presenti. Per una strategia completa è necessario seguire questi semplici tre consigli:

1)Utilizzare prodotti schiarenti anti-macchia per trattare in profondità quelle già esistenti e limitarne la ricomparsa: queste creme contengono principi attivi in grado di bloccare la produzione e l’eccessivo accumulo di melanina prodotta dai melanociti.

2)Applicare tutti i giorni e tutto l’anno una protezione solare alta sulle zone più esposte al sole (viso, collo, mani e decolleté).

3)Applicare un trattamento notte con azione peeling per attivare il rinnovo cellulare, da associare a delle maschere sempre ad azione peeling da fare un paio di volte a settimana.

Rispondi