Influenza 2016-2017 : virus e vaccino

foto-influenzaCon l’arrivo della nuova stagione e dei primi freddi è inevitabile che arrivino anche i primi malanni. Quest’anno però l’influenza che verrà si annuncia più cattiva rispetto a quella degli anni passati: colpirà 6-7 milioni di italiani, ma sommata ai virus ‘cugini’ delle sindromi parainfluenzali potrebbe mettere a letto fino a 15-17 milioni di connazionali. Questi i numeri previsti per la prossima stagione invernale da Fabrizio Pregliasco, intervenuto ieri  a Milano a un incontro promosso da Assosalute-Associazione nazionale farmaci di automedicazione. L’influenza 2016-2017, spiega l’esperto, farà ammalare circa 2 milioni di persone in più rispetto all’edizione 2015-2016 quando sono stati registrati meno di 5 mln di casi.

Tutto dipenderà anche dall’andamento del meteo», tiene a precisare Pregliasco, virologo e ricercatore del Dipartimento di Scienze biomediche per la salute dell’università degli Studi milanese e direttore sanitario dell’Irccs Galeazzi del capoluogo lombardo: «Se questo inverno dovesse essere più lungo e freddo – dice – sicuramente si avranno molti più pazienti influenzati; se invece sarà un periodo con molti sbalzi termici si ridurrà la quota di vera influenza, ma potrebbero esserci più casi di sintomi simili-influenzali».

Dei 3 virus influenzali attesi per quest’anno, 2 sono ‘new entry’. “Secondo le previsioni – riferisce Pregliasco – a circolare saranno il virus A/California/7/2009″, l’H1N1 responsabile della ‘pandemia’ del 2009, “insieme al virus A/Hong Kong/4801/2014 (H3N2)-nuova variante, e al virus B/Brisbane/60/2008 (lineaggio B/Victoria)-nuova variante, tutti presenti nella nuova composizione vaccinale”. E se per l’influenza vera “c’è ancora tempo, è bene iniziare a pensare alla vaccinazione che partirà come ogni anno da ottobre”, raccomanda lo specialista. L’iniezione ‘scudo’ è consigliata in particolar modo ai soggetti più a rischio ai quali si rivolge la campagna vaccinale, perché una mancata prevenzione può causare gravi rischi alla salute.

Gli epidemiologi parlano di un possibile picco previsto per Natale e i primi giorni del 2017, e consigliano la prevenzione mediante la vaccinazione, disponibile a partire da fine ottobre.

Chi si deve vaccinare ? Persone con più di 65 anni, bambini con più di 6 anni, chi ha malattie croniche, cardiache, renali, tumori, patologie che causano immunosoppressione o infiammatorie, donne al secondo o al terzo trimestre di gravidanza, categorie a rischio (dai medici , agli infermieri , ai veterinari etc etc ).

Oltre al vaccino, è sempre utile ribadire quanto una prevenzione naturale a base di una dieta leggera e l’adempire alle norme igieniche possa risultare fra gli strumenti più efficaci.

I sintomi dell’influenza di quest’anno si manifestano generalmente con febbre, mal di testa e malessere generale. Sono tipici il naso che cola, la tosse e i dolori muscolari. Gli esperti prevedono che in questa stagione influenzale saranno particolarmente diffusi i sintomi gastrointestinali, con nausea, vomito e diarrea.

I sintomi respiratori insorgeranno improvvisamente, comportando anche mal di gola e congestione nasale.

E’ bene iniziare subito con l’assunzione di prodotti immunostimolanti per alzare le proprie difese immunitarie ed essere più  preparati e più robusti da subito.

 

Leave a Reply