Meteoropatia : che cos’è e quali sono i rimedi

foto-meteoIl maltempo, oltre a portare influenza, febbre e raffreddori intensifica anche un ulteriore malessere: la meteoropatia

La meteoropatia non è un problema immaginario: sentire il tempo è un disturbo diffuso e riguarda una persona su tre. I sintomi dell’adattamento difficile sono: mal di testa, dolori muscolari, dolori migranti alle articolazioni e sindromi ansiose-despressive e difficoltà digestive. Non solo, si tende ad aumentare di peso, in quanto il senso di abbandono, paura del futuro e apatia aumenta e questo ci spinge a buttarci sui cibi ipercalorici, considerati l’unica fonte di gioia e di soddisfazione.

I cambiamenti stagionali , con i loro spesso veloci e profondi mutamenti di temperatura, pressione e/o tasso di umidità, sembrano stimolare anche la produzione di ACHT, un ormone prodotto dall’Ipofisi, causando ansia e problemi psicosomatici. Tale ormone regola la secrezione di un’altra sostanza ormonale, ovvero il Cortisolo, definito appunto l’ ormone dello stress.

L’ACHT reprime inoltre i livelli di endorfine, con il conseguente aumento di sensibilità al dolore, e quelli di Adrenalina e Noradrenalina (altri due importanti Neurotrasmettitori), rendendo l’individuo meno capace di rispondere prontamente ed efficacemente ad eventuali stress psicofisici.

I “capricci” del tempo possono indurre anche l’iper-produzione di ulteriori ormoni, come la Tiroxina da parte della Tiroide o le Catecolamine da parte delle Ghiandole surrenali, entrambi ulteriori mediatori a disposizione del corpo umano in caso di possibile sovraccarico fisico e/o psicologico.

Poiché la  meteoropatia deriva da un disagio di natura psicologica, possiamo tranquillamente ricorrere esclusivamente a rimedi naturali per contrastarla.

L’esposizione al sole è un rimedio efficace per ricaricarsi di energia e migliorare l’umore e il senso di benessere. In casa, evitate di mantenere i riscaldamenti ad una temperatura elevata, cercate di mantenere una temperatura dell’ambiente nè troppo umida nè troppo secca. Molto utili possono essere i rimedi naturali come la valeriana, il biancospino (cardiotonico con ottime capacità sedative, ottimo ansiolitico capace di placare la tachicardia e il nervosismo che blocca lo stomaco ),         il tiglio, l’iperico ( molto utile nei soggetti depressi ) , la lavanda o il timo che rilassano e calmano i nervi, da utilizzare con semplici e gustose tisane.

Ottimo l’utilizzo di Angelica ed eleuterococco: la prima è un’erba carminativa, calmante e antispastica. Migliora i disturbi digestivi e gli spasmi addominali.

Il secondo è un adattogeno con virtù tonificanti, restituisce energia al corpo e alla mente riequilibrando serotonina e adrenalina. E’ chiamato il ginseng femminile, ma lo possono utilizzare anche gli uomini.

Ottimi anche ginseng, pappa reale, propoli e miele. ovvero il

L’omeopatia offre due ottimi rimedi :

  • Antimonium crudum: adatto a chi soffre gli eccessi, il forte caldo come il freddo intenso e reagisce con insonnia e reazioni vistose dell’umore.
  • Rus tox , il rhus toxicodendron, utile a chi sente il freddo umido sulle articolazioni, ad esempio il solito ginocchio che annuncia il temporale. E’ indicato all’inizio dell’autunno per chi ha dolori migranti alle articolazioni.

Mantenere un’alimentazione sana ed equilibrata, ricca di frutta e verdura può essere fondamentale non solo per la linea, ma anche per difendersi da questo malessere invernale.
 

Leave a Reply