Mare, giochi e colpo della strega!

Niente di meglio di una bella corsa sul bagnasciuga, vero? Ma solo se non vi siete presi un bel colpo della strega facendo castelli di sabbia con la schiena incurvata per ore insieme al vostro bimbo. Spesso non è necessario nemmeno un grande sforzo fisico, ma il semplice piegarsi nel modo scorretto per sollevarlo può causare dolorosi mal di schiena. Le contratture e gli strappi alle fasce muscolari della schiena possono capitare anche ai genitori più giovani se il corpo non viene mantenuto in forma, infatti una muscolatura più debole è più suscettibile a questo tipo di disturbo, così come avere la brutta abitudine di mantenere una postura non corretta quando si cammina o si sta seduti provoca stress sulla colonna vertebrale. Nell’ernia del disco a livello lombare, che si manifesta con un dolore radiante che ha origine dal gluteo e prosegue verso l’alto fino alla schiena e verso il basso lungo la coscia, il materiale chiamato nucleo polposo localizzato all’interno del corpo della vertebra fuoriesce dal canale spinale provocando infiammazione dei nervi spinali. Questo disturbo viene normalmente associato all’età avanzata ma in realtà può colpire anche soggetti giovani, soprattutto quando sono presenti fattori di rischio come vita sedentaria e scarso esercizio fisico, obesità e traumi ripetuti nel tempo. E’ buona norma da seduti controllare l’altezza della sedia infatti essa dovrebbe essere tale da permettere alle cosce di restare parallele al pavimento. La testa non dovrebbe essere mantenuta troppo piegata in avanti, così da evitare sforzi eccessivi per le vertebre cervicali. E’ importante che le spalle e la schiena abbiano sempre un sostegno adeguato, anche da sdraiati, infatti per tal motivo per dormire è da preferirsi la posizione di fianco o quella supina, dal momento che dormire “a pancia all’ingiù” favorisce una curvatura innaturale della schiena, stressando la colona vertebrale.

Avete presente quel dolore intenso che colpisce la schiena nel momento in cui vi chinate per raccogliere qualcosa da terra e vi sollevate di scatto facendo forza appunto proprio sulla muscolatura della schiena?

Altro non è che il temibile “colpo della strega”, descritto da chi ne ha sofferto almeno una volta nella vita come la sensazione di subire una violenta compressione a livello dei muscoli nella parte bassa della schiena che paralizza tutta la colonna vertebrale. Il colpo della strega è provocato da una contrattura improvvisa dei muscoli paravertebrali, durante la quale le terminazioni nervose delle vertebre lombari vengono infiammate da un movimento troppo brusco, come ad esempio un piegamento in avanti troppo veloce oppure una torsione del busto. Il modo migliore per evitare questo doloroso inconveniente è piegarsi nel modo corretto, ovvero chinandosi sulle gambe e fare forza sui muscoli di queste ultime per sollevare gli oggetti, soprattutto quando sono particolarmente pesanti. Nonostante le accortezze, può comunque capitare di essere colpiti da forti mal di schiena e, sebbene il mantenersi a riposo stando alcuni giorni sdraiati a letto sia sicuramente d’aiuto, spesso diventa necessario l’uso di farmaci. Normalmente vengono utilizzati i cosiddetti FANS, cioè gli antinfiammatori con struttura chimica non steroidea, che possono essere impiegati per uso topico nei casi di disturbo più lieve o per bocca quando il dolore è più intenso. Per uso topico, o locale, esistono cerotti che rilasciano molecole come il diclofenac o il piroxicam, mentre per bocca, oltre a questi due principi attivi, molto impiegati sono l’ibuprofene e il naprossene. Un’ottima abitudine è quella di svolgere quotidianamente esercizi specifici per la colonna che aiutano a rafforzare la muscolatura della schiena e ad aumentarne la flessibilità. Molto utile è quello che prevede di sdraiarsi in posizione supina e di flettere la schiena tenendo la testa sollevata e portando lentamente le ginocchia fino al petto, eseguendo questa sequenza di movimenti per due o tre volte. Un altro salutare esercizio per il tratto dorsale è quello da svolgere seduti tenendo le gambe divaricate e piegando il busto in avanti tenendo la schiena ben dritta e rigida, fino a volgere il viso verso il basso e tornare poi piano alla posizione iniziale. Infine per la fascia lombare bisogna sdraiarsi proni e mantenere le braccia poggiate a terra in linea con le spalle, sollevando poi soltanto la testa e la parte alta del busto, mantenendo la posizione per circa venti secondi.

Insomma, niente può metterci al sicuro al cento per cento dal colpo della strega, ma prima che lei venga a spezzarci la schiena proviamo almeno a spezzarle la scopa!

????????????????????????????????????

????????????????????????????????????

Leave a Reply