Le malattie dell’orecchio (prima parte)

foto orecchioL’orecchio è un organo molto particolare e complesso ed è responsabile del nostro udito, oltre che del nostro equilibrio. Si possono distinguere tre parti nell’orecchio: la parte esterna, che invia i suoni dall’esterno alla membrana timpanica, la parte media che attraverso i suoi piccoli ossicini, trasmette il suono all’orecchio interno e la parte interna in cui vi sono gli organi recettori per registrare i suoni e mantenere l’equilibrio. L’udito è uno dei sensi che se viene a mancare, porta invalidità e grandi squilibri al nostro corpo. Ecco dunque una specifica guida, sulle principali malattie che possono, se trascurate, procurare danni irreparabili alle orecchie.

Le principali malattie dell’orecchio sono le ipoacusie, l’otorrea, gli acufeni, le vertigini , le otiti , l’otalgia, i tappi di cerume, l’ipoacusia , le micosi, la dermatite fino alla sordità. Nel momento in cui una persona presenta disturbi uditivi si deve procedere con un’anamnesi, cioè una raccolta completa di accertamenti effettuata dallo specialista otorino, circa il periodo di insorgenza del sintomo, gli eventuali problemi nella sfera sociale e psicologica della persona. Tutto deve essere corredato da importanti test audiometrici, da esami del naso, dei seni paranasali, del rinofaringe. E’ utile analizzare anche denti, tonsille, lingua, ghiandole salivari e articolazioni temporo-mandibolari perchè può succedere che i sintomi possano partire da una di queste sedi ed estendersi fino all’orecchio.

Nel momento in cui una persona presenta disturbi uditivi si deve procedere con un’anamnesi, cioè una raccolta completa di accertamenti effettuata dallo specialista otorino, circa il periodo di insorgenza del sintomo, gli eventuali problemi nella sfera sociale e psicologica della persona. Tutto deve essere corredato da importanti test audiometrici, da esami del naso, dei seni paranasali, del rinofaringe. E’ utile analizzare anche denti, tonsille, lingua, ghiandole salivari e articolazioni temporo-mandibolari perchè può succedere che i sintomi possano partire da una di queste sedi ed estendersi fino all’orecchio.

La più grave malattia legata all’orecchio, è la sordità che si manifesta con la perdita parziale o totale dell’udito. Di solito è la conseguenza di traumi o patologie, ma può essere causata anche da disfunzioni o malformazioni congenite di carattere ereditario. Le malattie che riguardano l’orecchio esterno possono derivare da malformazioni congenite o acquisite. Nel primo caso si può notare un canale uditivo troppo stretto o largo, l’orecchio piatto, il padiglione che si discosta dal cranio o il suo “orlo” incompleto. Le malformazioni acquisite possono essere: pieghe anomale del padiglione, lesioni della cartilagine per traumi o ferite. Si possono avere inoltre ostruzioni del condotto uditivo per tappi di cerume, desquamazioni epidermiche, infiammazioni o presenza di corpi esterni specialmente nei bambini piccoli, ma anche negli adulti.

Le malattie che colpiscono l’orecchio interno sono generalmente di natura infiammatoria e di solito, sono associate o sono la conseguenza di un’altra malattia, non curata o trattata in modo non adeguato. Si tratta principalmente di otiti di varie forme ed eziologia, che possono essere acute se causate da batteri o legate a problemi di allergia. L’otite media catarrale acuta, invece, è un’ infiammazione che provoca la formazione di muco o di siero nel timpano. Causata da raffreddori o ipertrofia adenoidea, specialmente nei bambini può presentarsi in una sola o in entrambe le orecchie. Nell’otite media purulenta acuta si può avere in seguito a malattie virali ed è molto dolorosa. Se non curata tempestivamente può causare la perforazione del timpano con l’escrezione di liquido purulento.

Le malattie dell’orecchio interno più pericolose sono la sindrome di Ménière, la labirintosclerosi e la otospongiosi. La prima si manifesta con vertigini, acufeni ed a volte sordità di durata più o meno lunga. La labirintosclerosi è dovuta a traumi o rumori professionali e provoca sordità e problemi all’equilibrio difficilmente curabili. L’otospongiosi infine, è una malattia congenita che provoca la sordità ed è causata da un’ossificazione in esubero estesa alla parete interna del timpano. Con questo quadro generale, si avranno sicuramente più chiare le generali patologie che possono colpire l’orecchio.

Protezione Copyright Attivata!