Coloriamo di giallo i nostri piatti natalizi

Un tocco di giallo e tanta salute in tavola: lo zafferano, oltre a dare sapore e colore alle pietanza, è ricco di proprietà utili per l’organismo. Aiuta a mantenerci giovani, a digerire meglio, a combattere il cattivo umore e tanto altro ancora. È un preziosissimo valore aggiunto e ne basta pochissimo per svolgere al meglio la sua funzione. Se impiegato in una dieta equilibrata, questa spezia contribuisce al benessere di tutto l’organismo, grazie alle diverse sostanze attive in esso contenute. Non contiene grassi e fornisce solo 310 calorie per 100 grammi di prodotto. Dalla letteratura scientifica e’ definito come il re degli antiossidanti (sostanze che aiutano a contrastare la formazione di radicali liberi, responsabili dell’invecchiamento cellulare e di alcune malattie degenerative). Le sue proprietà sono dovute alla presenza di particolari sostanze come i flavonoidi, ma soprattutto i carotenoidi (tra cui crocetina, crocina, picrocrocina, licopene, zeaxantina). Una modesta quantità di zafferano al giorno aiuta a proteggersi e a contrastare i fenomeni legati all’invecchiamento cellulare. Quotidianamente, infatti, il nostro organismo va incontro alla produzione di radicali liberi (molecole che  si ossidano e danneggiano strutture cellulari generando patologie come l’arteriosclerosi e il cancro) a causa del nostro metabolismo, dell’inquinamento e di stili di vita non sani. Per proteggersi è necessario sia tentare di limitare la produzione di queste sostanze nocive (non fumando, non eccedendo nell’alcool, vivendo in un ambiente sano e non mangiando troppo) sia integrare con alimenti contenenti sostanze in grado di annullare l’azione dei radicali liberi, come i carotenoidi contenuti in diversi prodotti naturali, tra cui l’olio di oliva, i pomodori, i cavoli, le carote, la frutta  e lo stesso zafferano. Uno zafferano di qualità deve contenere circa il 30% di crocina e tra il 5 e il 15% di picrocrocina. Tra le altre azioni dello zafferano annoveriamo il potere digestivo e antinausea: gli aromi naturali che racchiude stimolano la secrezione della bile e dei succhi gastrici, favorendo la normale funzione digestiva mentre le vitamine B1 e B2 sono componenti fondamentali per la crescita, per il metabolismo lipidico, glucidico e protidico. Per favorire la digestione può anche essere impiegato come preparato fitoterapico, in forma di tisana. Esso svolge anche un’azione antibatterica in quanto gli oli essenziali contenuti bloccano la proliferazione dei microorganismi. Per la capacità di stimolare le secrezioni gastriche è poi utile contro la nausea: assumendo al bisogno 1 o 2 capsule al giorno il fastidio dovrebbe attenuarsi. Alcuni studi mostrano come lo zafferano sia anche efficace come antidepressivo naturale in quanto i principi attivi come la crocina e l’olio essenziale di safranale  agiscono positivamente su alcuni neurotrasmettitori cerebrali come la dopamina, la noradrenalina, la serotonina e il GABA, coinvolti nel controllo del tono dell’umore. I preparati a base di zafferano  possono essere usati anche per attenuare la sindrome premestruale e la tensione nervosa, ha virtù afrodisiache e si ritiene che i principi attivi di questa spezia abbiano una funzione positiva nel mantenimento della plasticità neuronale , alla base della memoria e dell’apprendimento. E’ bene ricordare che lo zafferano non presenta particolari controindicazioni, in cucina può essere utilizzato a qualsiasi età. Come fitoterapico, quindi a dosaggi concentrati, è meglio evitarlo in pazienti che soffrono di gastrite o di ulcera, visto il potere di stimolare i succhi gastrici. Sconsigliato anche nei bambini al di sotto dei tre anni di età e nelle donne in gravidanza, in quanto può favorire un aborto.zafferano

Protezione Copyright Attivata!