Vischio e Stella di Natale, pericoli per i nostri amici a quattro zampe

foto animaliLo sapevate che la stella di Natale è una pianta tossica? E’ pericolosa anche e soprattutto per i nostri amici a quattro zampe. Siamo in dirittura d’arrivo per il Natale.

Chi possiede animali domestici, cani, gatti, coniglietti e company da tanto tempo, sa quanti rischi si nascondono per i nostri pets in alcune tradizioni di queste feste, ma chi si appresta ad  accoglierne in casa uno per la   volta non sempre ne ha consapevolezza. Ed è a loro in particolare che mi vorrei rivolgere con questa piccola riflessione.

Mi riferisco ad esempio al cioccolato in abbondanza che si può lasciare a portata del nostro cane , se non addirittura “offerto”, all’albero di Natale carico di decorazioni, particolare attrattiva per gatti arrampicatori, ma anche e soprattutto ad alcune piante come la Stella di Natale o il vischio.

L’Euphorbia pulcherrima, splendida Stella rossa e simbolo di queste feste è infatti potenzialmente tossica per cani e gatti se ingerita o anche solo masticata. A creare la reazione negativa, una sostanza bianca, la linfa, che contiene euforboni, alcaloidi e triterpeni. E’ opportuno evitarla se in casa ci sono cani e gatti o al meglio cercare di non lasciarla a loro portata. In più è importante conoscere i sintomi dell’eventuale contatto ed intossicazione che sono i seguenti:

  • Irritazione delle mucose dell’apparato digerente
  • Gonfiore e bruciore su labbra, lingua e bocca
  • Irritazione degli occhi (più grave)
  • Congiuntivite-lacrimazione
  • Dermatiti con vescicole
  • Vomito
  • Diarrea
  • Tremori diffusi

Non è fatale, la prognosi è essenzialmente positiva, ma perché rischiare un forte malessere per il nostro amico animale?

Più pericoloso è invece il vischio (nome scientifico: Viscum album): l’ingestione delle bacche può provocare atassia (movimenti scoordinati), salivazione eccessiva, midriasi (dilatazione della pupilla dell’occhio), vomito, diarrea, poliuria, dolori addominali. Se non si interviene precocemente c’è il rischio di morte. Quindi in caso di sospetta ingestione di vischio da parte del pet è importante rivolgersi subito ad un veterinario.

ALIMENTI COMUNI TOSSICI.
Evitate di somministrare al vostro cane e/o gatto i seguenti alimenti:

– bevande alcoliche;
– Avocado;
– cioccolata (di tutti i tipi e in tutte le forme);
– cacao (di tutti i tipi e in tutte le forme);
– caffé (di tutti i tipi e in tutte le forme);
– cibi grassi;
– noci di Macadamia;
– cibi avariati o scaduti;
– cipolle, cipolle in polvere: in quantità;
– uva, uva passa;
– sale: in quantità;
– lievito per il pane;
– aglio: in quantità;
– prodotti dolcificati con xilitolo (caramelle senza zucchero, ecc.);
– funghi non identificati o non commestibili per l’uomo;
– le foglie ed i germogli di patata;
– le foglie di rabarbaro;
– le foglie e germogli di pomodoro;
– semi di senape.

PIANTE “DI CASA” TOSSICHE
generano tutte effetti gravi se ingerite anche in bassa quantità:

– Palma da sago ( Cycas Revoluta), anche l’ingestione di un solo seme (o noce) causa effetti gravi;
– Gigli, tulipani, tossici soprattutto per i gatti;
– Azalea/rododendro (letale);
– Oleandro (letale);
– Semi di ricino (letale);
– Ciclamino (in alcuni casi letale), la più alta concentrazione di questo componente tossico è posizionata tipicamente nella parte della radice della pianta;
– Kalanchoe (pianta grassa);
– Tasso (letale);
– Stella di natale (Euphorbia Pulcherrima);
– Dieffenbachia, specialmente tossica per i gatti;
– Vischio;
– bacche di Agrifoglio
– Lauroceraso (Prunus Laurocerasus), contiene cianuro;
– Ortensia;
– Marijuana (coma).

Don`t copy text!