Calcoli Renali e Sesso

calcoliE’ comparso su molte riviste il risultato di una ricerca del Training and Research Hospital di Ankara in Turchia secondo il quale il sesso potrebbe essere un toccasana per l’espulsione dei calcoli renali, in quanto il movimento che si compie durante l’atto e le endorfine rilasciate dall’orgasmo ne contribuirebbero in maniera importante rilassando i muscoli in genere.

Normalmente si utilizzano dei farmaci alfabloccanti come la tamsulosina (serve anche per il trattamento dell’iperplasia prostatica benigna), la doxazosina, silodisina, alfuzosina: essi riducendo l’attività α1-adrenergica dei vasi sanguigni, inoltre possono causare ipotensione (capogiro, o collasso passando dalla posizione seduta a quella eretta) per quello vanno assunti in genere alla sera tardi prima di coricarsi e comunque sempre dietro la prescrizione medica (inoltre molti sono mutuabili).

Il trattamento farmacologico passa anche per l’assunzione di abbondante acqua e di antispastici (es. Buscopan®) per aumentare il flusso di urina in uscita verso la vescica e rilassare la muscolatura del rene che causa i forti dolori annessi ai calcoli; non per niente si dice che una colica renale sia seconda per dolore solo al parto.

Quindi ricordiamo anche per i più pigri: muoversi muoversi muoversi. Anche i reni vi ringrazieranno.

In questo caso però anche il letto può essere…d’aiuto!

Leave a Reply