fbpx

Obesità infantile

L’obesità infantile è un problema grave e il numero di bambini obesi è in costante crescita.

Bisogna tenere presente che ci sono rischi immediati per la salute dei bambini obesi e anche rischi a lungo termine. Infatti molto spesso un bambino obeso sarà un adulto obeso con grande rischio di sviluppare patologie cardiovascolari, osteoarticolari, respiratorie, metaboliche e tumorali con riduzione dell’aspettativa di vita. Inoltre non sono da sottovalutare i risvolti psicologici dell’obesità che portano il bambino ad isolarsi e a modificazioni del suo carattere. Si sono anche riscontrati casi di preadolescenti ed adolescenti con sindrome metabolica causata proprio dalla loro obesità.

La diagnosi di sovrappeso o obesità nel bambino è più complessa da fare rispetto all’adulto. Si considera sovrappeso un bambino il cui peso superi del 10-20% il suo peso ideale e obeso se il suo peso supera del 20% quello ideale. Il peso ideale si calcola tenendo presenti le tabelle dei percentili di crescita, grafici che riuniscono i valori percentuali  di peso ed altezza dei bambini, divisi per età e sesso.

L’obesità infantile ha fondamentalmenete tre cause: la cattiva alimentazione, la scarsa attività fisica e la familiarità. Un bambino che abbia un genitore obeso ha il 25% di probabilità di diventare obeso e un bambino con entrambi i genitori in sovrappeso od obesi ha il 34% di probabilità di essere a sua volta in sovrappeso od obeso. L’obesità provocata da fattori ormonali o da patologie è molto più rara.

Purtroppo ci si preoccupa se il bambino mangia poco, ma non si fa attenzione se il bambino introduce più energia rispetto a quella che consuma. Va posta attenzione al tipo di alimentazione e all’attività fisica svolta dal bambino.

Spesso pur di far mangiare i bambini si propongono sempre i piatti da loro preferiti, ma in questo modo non si permette loro di sperimentare sapori diversi con il rischio che, stufi dei soliti piatti, non si nutrano a sufficienza e poi si rimpinzino di snack o dolci tra un pasto ed il successivo. Molto importante, per tutti e ancor più per i bambini, è fare una buona prima colazione che permetta di affrontare gli impegni della giornata con la giusta energia e di non arrivare troppo affamati ai pasti successivi o peggio di sgranocchiare ciò che capita tra un pasto e l’altro. Sono da evitare le bevande zuccherate.

Bisogna quindi proporre sempre frutta e verdura ai pasti e anche come spuntino dando per primi l’esempio. E’ importante promuovere l’attività fisica dei bambini, camminate, passeggiate in bicicletta, giochi all’aperto, evitando che stiano ore e ore davanti a televisione o videogiochi. L’attività fisica meglio se moderata ed aerobica porta ad utilizzare i grassi accumulati dal nostro organismo.

Quindi data la situazione è fondamentale la prevenzione dell’obesità infantile che si attua in primo luogo correggendo le abitudini di vita errate, fin da quando i bambini sono piccoli, in secondo luogo trasferendo a bambini e ragazzi una cultura di vita “sana”.

I bambini obesi vanno aiutati a modificare il loro stile di vita per riuscire a tornare al normopeso. Non servono solo restrizioni alimentari, ma proprio un radicale cambiamento dello stile di vita di tutta la famiglia.

 

Leave a Reply

gtag('config', 'G-HH9LQTEQRM');