L’importanza della prima colazione

Hanno riaperto le scuole e i nostri bambini hanno ripreso le loro attività.

É frequente che, presi dalla fretta, al mattino, i bambini non facciano la prima colazione e non assumano i nutrienti necessari, prima di iniziare le lezioni.

È provato che una buona prima colazione rende i bambini più attenti e ricettivi durante l’orario scolastico, fornendo loro l’energia necessaria per affrontare al meglio i loro impegni.

Il cervello ha bisogno di carburante per funzionare bene.

I bambini non dovrebbero mai saltare la prima colazione, meglio quindi svegliarsi mezz’ora prima e mangiare bene piuttosto che restare a dormire, ma saltare questo pasto.

La colazione ideale per un bambino dai 2 ai 12 anni dovrebbe coprire il 20% del fabbisogno calorico giornaliero.

Per permettere di concentrarci il nostro cervello ha bisogno di zuccheri e se questi mancano facciamo fatica.

La colazione deve quindi essere ricca di carboidrati a lento rilascio e di vitamine mentre non deve essere troppo ricca di grassi che rendono la digestione più lenta, è molto meglio utilizzare un po’ di tempo per mangiare cibi sani, possibilmente seduti a tavola e quando si è ben svegli per permettere al nostro organismo di assorbire correttamente ciò che introduciamo.

Si dovrebbe evitare se possibile di mangiare una merendina al volo.

Una prima colazione adeguata, ricca di fibre e di carboidrati a lento assorbimento è anche importante per la prevenzione dell’obesità perché è in grado di modulare la glicemia ed il livello di grassi nel sangue. Inoltre chi fa tutti i giorni la prima colazione arriva meno affamato ai successivi pasti della giornata e tende meno ad abbuffarsi o a mangiucchiare durante il giorno.

Don`t copy text!