Fibre alimentari, amiche dell’organismo

foto fibre alimentariSi sente spesso parlare di fibre alimentari, di quanto fanno bene e che è indispensabile la loro assunzione, ma sappiamo esattamente cosa sono? E di conseguenza anche perché devono fare parte della nostra alimentazione? Diventa anche poi importante sapere dove si trovano e come ottenerne i maggiori benefici. Forse involontariamente le mangiamo senza saperlo e senza conoscerne i loro reali effetti, però è sempre meglio essere consapevoli del cibo che consumiamo perché l’alimentazione è alla base della nostra salute.

Cosa sono

Le fibre alimentari sono dei composti chimici organici (chiamati polisaccaridi) vegetali non “disponibili”, ovvero non assorbibili dal nostro organismo. Ma se non le digeriamo, perchè sono necessarie? Queste sostanze vengono fermentate dalla flora batterica presente nel colon e agiscono come regolatore delle funzioni intestinali favorendo l’espulsione delle scorie accumulate. Ma non fungono solo da aiuto alla “pulizia”, sono anche preparati che con l’assunzione contemporanea di acqua o di liquidi, aumentano di volume generando una sensazione di riempimento dello stomaco.

Quali sono e loro caratteristiche

La scienza ha quindi stabilito che vi sono due tipi di fibre alimentari: solubili e non solubili (insolubili) in acqua (o liquidi similari).

Fibre non solubili: le più comuni sono la cellulosa, l’emicellulosa ed anche la lignina (che non è esattamente un polisaccaride) ed hanno la proprietà di inglobare l’acqua, aumentando così di volume e generando una lievitazione della massa fecale aiutandone l’espulsione in tempi più brevi.

Fibre solubili: le fibre solubili sono le pectine, le gomme e le mucillagini che amalgamandosi con l’acqua creano un composto gelatinoso con un grande potere saziante, sia per il volume, sia per l’azione distensiva delle pareti gastriche.

Perché sono importanti

L’assunzione di fibre insolubili è fondamentale per un corretto funzionamento dell’intestino, perfette se si hanno problemi di stipsi e hanno anche la proprietà di diminuire il rischio di tumore al colon perché mantengono la parte libera e impedendo la stasi di materia per troppo tempo. Se invece consideriamo le fibre idrosolubili, esse sono perfette per non acquisire peso e per perderlo, aiutano l’assorbimento degli zuccheri aiutando le terapie per la cura del diabete e contrastano l’eccesso di colesterolo (iperlipidemie). Sono anche utili se si è affetti da problematiche cardiovascolari.

Dove si trovano

Le fibre alimentari sono in diverso quantitativo in molti cibi, quelle che si sciolgono in acqua sono presenti in legumi e frutta mentre quelle non solubili in cereali integrali e verdura. Dalla crusca di frumento, che per rapporto di peso è quella con la maggior presenza di fibra, ai piselli, alle lenticchie, le prugne, il farro e le mele. Anche per questo motivo è importante preferire i prodotti integrali a quelli raffinati, perchè mantengono il loro contenuto di fibre che sono benefiche per il nostro organismo.

Sul mercato si trovano moltissimi integratori a base di fibre , ma occorre fare attenzione nella loro assunzione : poiché aumentare la quantità di fibre oltre la dose consigliata può essere controproducente, avere la necessità di integrare le fibre vuol dire seguire un’alimentazione squilibrata. Il normale e regolare consumo di frutta e soprattutto di verdura assicura la giusta quantità di fibre.

Consigli

Per perdere peso largo ai legumi che hanno proteine e fibre ed anche la frutta (le mele saziano molto ed hanno poche calorie e molte fibre ), per la stitichezza molta verdura e cereali integrali.

Don`t copy text!