Rimedi naturali per punture di zanzara

foto zanzaraLe zanzare sono il peggiore incubo delle giornate e delle serate estive.

Le zanzare , ghiotte di sangue umano, mordono lo strato più superficiale della pelle e si ha come conseguenza una irrefrenabile necessità di grattarsi. Nella zona colpita, la pelle appare altamente pruriginosa perché la puntura di zanzara favorisce il rilascio di istamina , un potente mediatore chimico coinvolto in fenomeni allergici ed infiammatori. A sua volta, l’istamina incoraggia la dilatazione dei piccoli vasi ematici appena sottostanti la pelle con conseguente arrossamento e comparsa del ponfo tipico della puntura di zanzara.

I rimedi naturali per trovare sollievo? Esistono, eccome. Se la varietà di repellenti, creme, gel e spray lenitivi a base di sostanze chimiche  è ampia ( il DEET o N,N-Dietiltoluamide,  è considerata la molecola antizanzare per eccellenza , presente in molti prodotti in commercio  ; anche se è approvato dalle principali Agenzie del Farmaco, è comunque molto irritante per gli occhi e se applicato sulla pelle può causare eruzioni cutanee, dolori e vesciche e alcuni studi lo hanno associato a problemi neurologici. Inoltre, le zanzare hanno cominciato a sviluppare maggiore resistenza agli agenti chimici che lo compongono  ).

Ma  anche quando la scelta è 100% naturale c’è un vasto ventaglio di opzioni possibili.

Un po’ di prevenzione

Prima di conoscere gli alleati naturali migliori per lenire i fastidi delle punture di zanzara, qualche consiglio utile per la prevenzione. Innanzitutto, no ai profumi, alle creme e ai deodoranti dall’aroma forte e invasivo che rischia di fungere da richiamo per gli insetti. Sì agli abiti chiari, di tessuti naturali e traspiranti, come cotone e lino. No all’umidità e ai ristagni di acqua, che sono l’habitat perfetto per attirare zanzare e insetti di vario genere.

Inoltre, è bene ricordare che si possono sfruttare con successo, come principi attivi per repellenti cutanei o ambientali, anche estratti naturali. Alcuni esempi? L’olio essenziale di lavanda, limone , citronella e di geranio, piante dall’aroma particolarmente sgradito agli insetti, in grado di tenerli alla larga. Potete mettere questi oli essenziali (diluiti con un po’ d’acqua) in barattolini o bottigliette di vetro, mettere poi degli stecchini (anche quelli da spiedino) dentro e poi capovolgeteli. In questo modo, l’odore si spanderà più forte nell’ambiente e, oltre a profumare la casa, terrà lontane le zanzare

Ci sono inoltre alcune piante che si possono mettere alla finestra o sul terrazzo e che terranno lontane le zanzare: provare con la menta, il basilico e la lavanda, coltivarle è facilissimo! Tra l’altro anche l’aglio è un ottimo repellente contro le zanzare: piantatelo sul terrazzo o in giardino e sarete salvi dalle punture.

Il metodo più ecologico e meno faticoso in assoluto per combattere le zanzare? Installare su ogni finestra, ma anche su ogni letto, una zanzariera. Dovrete solo ricordarvi di chiuderle perché abbiano effetto.

Se invece siete stati già punti evitate di grattare le bolle e scegliete come alleviare il dolore fra le seguenti opzioni: 

Limone: tagliate una fettina di limone e strofinatela sulla puntura per ridurre gonfiore e prurito.

Cipolla: lo stesso effetto si può ottenere anche passando sulla pelle una fettina di cipolla.

Sale: versate mezzo cucchiaino di sale in mezzo bicchiere di acqua e tamponate le zone irritate.

Bicarbonato: Preparate un impasto di acqua e bicarbonato di sodio e applicatelo sulla zona che è stata punta.

Lavanda: se avete a disposizione delle foglie di lavanda sfregatele delicatamente sulla parte colpita per alleviare l’irritazione oppure allo stesso scopo potete utilizzare dell’olio essenziale di lavanda da tamponare sulla pelle.

Aloe Vera: applicate sulla zona colpita una piccola quantità di succo o gel di Aloe vera per lenire la sensazione di fastidio derivante dalla puntura.

Saliva: se non avete a portata di mano questi ingredienti potete bagnare la parte interessata con la vostra saliva, il prurito diminuirà in pochi secondi.

Calmanti, perfette per ridurre il fastidioso prurito, anche le creme a base di camomilla e di avena, così come l’olio di mandorle e di borragine, dall’azione calmante, lenitiva e antipruriginosa.

In alternativa potete tenere in casa un antisettico astringente come il Gel al Cloruro d’alluminio al 5% o degli stick all’ammoniaca appositi per le punture di insetti, entrambi facilmente reperibili in farmacia.

 

 

Don`t copy text!