Gocce rilassanti

4.1.1Per far fronte ad episodi di ansia e insonnia di lieve entità che caratterizzano questo periodo, il cambio stagione, dove l’uso di farmaci ansiolitici può risultare esagerato, sia per l’entità della patologia sia per gli effetti negativi che questi farmaci possono avere sull’attenzione, la concentrazione e la vigilanza, si può sfruttare l’azione sinergica dei fitocomplessi di alcune piante, nello specifico di Melissa officinalis, Hypericum perforatum e Passiflora incarnata.

Formulazione gocce rilassanti, 30 g

  • Melissa estratto idroalcolico 16.4 g
  • Iperico estratto liofilizzato 2.1 g
  • Passiflora estratto liofilizzato 0.8 g
  • Miele di acacia 10.4 g
  • Limone aroma naturale 0.2 g
  • Arancia aroma naturale 0.1 g

In un mortaio si introducono gli estratti solidi mescolando ad ogni aggiunta fino ad ottenere una miscela omogenea. Gli aromi naturali vengono dispersi goccia a goccia nella miscela di polveri. Quest’ultima viene, poi, dispersa nella miscela di miele ed estratto di melissa precedentemente preparata. Filtrare su garza se necessario.

melissaSperimentalmente, l’estratto idroalcolico liofilizzato di Melissa officinalis è stato in grado di esercitare un’attività sedativa nel topo, in differenti modelli sperimentali di ansia, già a dosaggi relativamente bassi. I principi attivi contenuti nelle foglie di melissa (acidi polifenolici e flavonoidi) agiscono a livello del sistema muscolare attraverso il rilasciamento della muscolatura stessa. Pertanto, risultano anche utili, per la loro attività spasmolitica, nei disturbi funzionali gastrointestinali di origine psicosomatica, quali coliti spastiche, colon irritabile, dispepsie.

L’efficacia dell’Hypericum perforatum nel trattamento di disturbi ansioso-depressivi viene attribuita all’ipericina, ma dati farmacologici più recenti suggeriscono che anche l’iperforina possa contribuire in modo importante all’azione del fitocomplesso.
Il meccanismo di azione, non ancora completamente noto, sarebbe comunque in gran parte da ricondurre ad attività sui neurotrasmettitori cerebrali, anche se alcuni studi recenti suggeriscono ulteriori ed interessanti ipotesi. Il meccanismo di azione principale sembra essere legato ad una inibizione del “reuptake” a livello postsinaptico della serotonina (neurotrasmettitore coinvolto nella regolazione dell’umore), con aumento della trasmissione serotoninergica, analogamente ai farmaci antidepressivi di seconda generazione. Gli attivi dell’iperico hanno dimostrato di inibire, inoltre, la captazione di dopamina, neurotrasmettitore con un ruolo importante per quanto riguarda comportamento, cognizione, sonno, umore, attenzione, memoria di lavoro e di apprendimento, e di legarsi in vitro ai recettori del GABA (acido γ-amminobutirrico), potenziando l’attività del GABA stesso, un amminoacido con azione inibitoria sugli impulsi nervosi.
iperico_olioI risultati di uno studio clinico controllato, condotto in doppio cieco e in confronto con placebo, in cui 39 pazienti con depressione e sintomi somatici sono stati trattati con 300 mg di estratto di iperico 3 volte al giorno per 4 settimane, hanno rilevato un significativo miglioramento nel gruppo che ha ricevuto il trattamento rispetto al placebo. L’estratto di iperico si è dimostrato molto più efficace del placebo nel trattamento delle sindromi ansioso-depressive stagionali, disturbi piuttosto comuni e maggiormente frequenti nelle stagioni intermedie (primavera e autunno).
Effetti collaterali e precauzioni d’uso
E’ possibile la comparsa di reazioni di fotosensibilizzazione, specialmente in individui dalla carnagione molto chiara e nel caso di contemporanea assunzione di altri farmaci fotosensibilizzanti. Durante la terapia con iperico si sconsiglia, pertanto, la prolungata esposizione ai raggi solari.
Non sono noti dalla letteratura altri effetti collaterali o particolari precauzioni d’uso alle dosi raccomandate. Non sono noti effetti negativi dell’iperico sulla gravidanza e l’allattamento: si consiglia, tuttavia, in questi casi di utilizzare il prodotto con prudenza.

pasiflora-passiflora-incarnata-80-grsIl fitocomplesso della Passiflora incarnata svolge un’azione sedativa del sistema nervoso centrale con effetti tranquillantiansiolitici. Il tipo di attività attribuita a questa pianta è simile a quella dei calmanti di sintesi, in quanto i principi attivi responsabili dell’azione sedativa ed ansiolitica (appartenenti al gruppo dei flavonoidi) si legano con ogni probabilità ai recettori delle benzodiazepine, dove potrebbero comportarsi come blandi agonisti o aumentare l’affinità dei ligandi endogeni dei recettori benzodiazepinici.
Le proprietà sedative e ansiolitiche degli attivi contenuti nella passiflora fanno della pianta un rimedio estremamente efficace nel contrastare l’insonnia, perché stimolano un sonno fisiologico senza risvegli notturni, senza produrre senso di intorpidimento mattutino ed effetti narcotici o assuefazione.

Don`t copy text!