Bronchite, come riconoscerla e come curarla

foto bronchiteLa bronchite comincia come un raffreddore, ma se si aggiunge la tosse… Ecco i sintomi per capire se è virale o batterica, la dieta per evitarla e i farmaci per curarla.

Il naso gocciola,  la gola fa male , l’appetito  cala,  scorre qualche brivido lungo la schiena che si accompagna a dolori muscolari  e una febbriciattola da 37 e mezzo a 38 e mezzo:  è l’inizio di un banale raffreddore di quelli che nei mesi più freddi dell’inverno colpiscono milioni di persone. Ma poi arriva la tosse , prima secca, poi più grassa  con la quale cominciamo ad espellere muco prima biancastro poi sempre più giallognolo-verde. Signore e signori ecco a voi la bronchite, il compagno di viaggio  che  non vorremmo mai avere  in inverno, che colpisce 600 milioni di  persone nel mondo,  e che  rovina  la salute  e la qualità  di vita anche per un mese a  circa 4 milioni di italiani.

Che cos’è la bronchite?

Nessuno di noi   è  mai sfuggito alla bronchite, l’ infezione delle vie aeree (bronchi),  che ha  generalmente due cause:  la più frequente ,  (circa nel 90% dei casi) è causata  da una infezione  o di virus o di batteri, e si chiama appunto bronchite infettiva;  più raramente (10% dei casi) da polveri o sostanze ( cloro,  acidi , ammoniaca zolfo)  che respiriamo in ambienti particolari o per inquinamento o per motivi  di lavoro in ambienti industriali. Nella stragrande maggioranza dei casi, bronchite  ha due origini:

  •  la bronchite  virale  è provocata da virus, quei micidiali micro parassiti che infettano le cellule dell’organismo succhiandone il nutrimento  e producono una varietà di malattie;
  • la bronchite batterica provocata dai batteri, ovvero dalle più piccole forme di vita del mondo ( in una tazzina da caffè ce ne possono state 20 miliardi)  che a si distinguono a seconda della forma (bacilli, vibrioni cocchi ecc) o  a seconda del modo in cui si riproducono ( streptococchi, stafilococchi) e sono spesso associati  a sporcizia e malattie;  ma  in altri casi sono molto utili, per esempio quelli che generano lo yogurt o che proteggono la flora intestinale.

Bronchite virale o batterica Le cose cambiano a seconda se  il colpevole è un virus o un batterio, soprattutto per il modo di combatterla. Cambiano i farmaci da prescrivere  a seconda dell’origine batterica o virale della bronchite e potrebbe essere inutile o dannoso combattere indistintamente le due forme con qualsiasi tipo di farmaco, come avviene per esempio con gli antibiotici.

I sintomi della bronchite La bronchite si preannuncia con una scala crescente di sintomi che spesso possono essere confusi con un semplice raffreddore. Eccoli:

    1. naso gocciola
    2. mal di gola
    3. inappetenza
    4. brividi
    5. dolori muscolari
    6. febbriciattola ( 37,5°-38,5°)
    7. tosse secca
    8. tosse grassa
    9. febbre elevata (38,5°-39,5°)

Cura

Lo scopo della terapia contro la bronchite è quello di alleviare i sintomi e di facilitare la respirazione. A volte, per guarire dalla bronchite acuta, è sufficiente:

    • Riposare,
    • Bere molto,
    • Respirare aria umida e non troppo fredda,
    • Assumere un farmaco antitosse da banco, accompagnato da tachipirina o aspirina (solo per gli adulti).

Farmaci

In alcune circostanze il medico potrebbe prescrivervi dei farmaci.

  • Antibiotici. La bronchite di solito è la conseguenza di un’infezione di natura virale, quindi gli antibiotici non hanno alcuna utilità. Il medico tuttavia potrebbe prescrivervi un antibiotico se sospetta che siate stati colpiti da un’infezione batterica. Se avete una malattia polmonare cronica o se fumate, il medico potrebbe anche prescrivervi degli antibiotici per ridurre il rischio di un’infezione secondaria grave.
  • Farmaci antitosse. È meglio non bloccare la tosse, se questa produce molto catarro, perché tossire aiuta a rimuovere le sostanze irritanti presenti nei polmoni e nelle vie aeree. Se la tosse vi impedisce di dormire, usate un farmaco da banco in dose sufficiente per dormire, ma non per sopprimere completamente la tosse. Se la tosse vi impedisce seriamente di dormire, il medico potrebbe prescrivervi un farmaco antitosse.
  • Farmaci antipiretici . Il paracetamolo è il farmaco di elezione per abbassare la febbre.

Altri farmaci

Se siete affetti da asma o da malattie polmonari croniche ostruttive il medico potrebbe consigliarvi l’aerosol e altri farmaci per ridurre l’infiammazione e per riaprire le zone ostruite dei vostri polmoni.Quando chiamare il medico

  • La bronchite acuta di solito guarisce spontaneamente nel giro di alcuni giorni, ma andate dal medico se:
  • La tosse è molto forte oppure vi impedisce di dormire. Il medico vi può prescrivere farmaci antitosse per aiutarvi a riposare bene.
  • Avete una febbre lieve che continua per più di tre giorni oppure una febbre maggiore di 38°, accompagnata da difficoltà respiratorie e produzione di muco giallastro, verdastro o con tracce di sangue. In questo caso potreste avere la polmonite . Il catarro più denso di solito è indice di infezione batterica, che può essere curata con gli antibiotici . Potreste anche essere stati colpiti da una sinusite batterica.
  • La tosse dura per più di tre settimane. In alcuni pazienti l’infiammazione provocata da un’infezione cronica può condurre all’asma.
  • Avete problemi cronici ai polmoni o al cuore compresa l’asma, l’enfisema o l’insufficienza cardiaca congestizia e pensate di aver contratto la bronchite. Queste malattie, infatti, aumentano il rischio di complicazioni originate dalle infezioni bronchiali.
  • Avete episodi di bronchite ripetuti. Potreste avere una bronchite cronica oppure un’altra malattia grave, come ad esempio l’asma o una dilatazione delle vie respiratorie che rimangono ostruite dal muco. 
Protezione Copyright Attivata!