Il perineo

Che cos’è il perineo?2666689_orig

Per molti è uno sconosciuto, eppure fa parte del nostro organismo e sorregge organi molto importanti.

Il perineo è l’insieme dei muscoli che chiudono inferiormente la cavità addominale e pelvica. È infatti chiamato anche pavimento pelvico sostenendo organi interni come utero, vescica e retto.

Per identificare correttamente il pavimento pelvico può essere utile sapere che è la zona che si appoggia sul sellino della bicicletta.

Spesso non ci rendiamo nemmeno conto di avere dei muscoli che controlliamo volontariamente in questa zona del corpo e tanto meno ci impegniamo ad allenarli, eppure la loro corretta funzionalità è importantissima in quanto garantisce una continenza urinaria e fecale adeguata, impedisce il prolasso genitale e mantiene una qualità di vita sessuale soddisfacente.

Il perineo ha una notevole importanza nella vita, soprattutto della donna e per questo è importante conoscerlo ed allenarlo come si fa con altri muscoli.

Nella donna infatti il perineo sostiene la gravidanza e il bambino in utero oltre che essere fondamentale durante il parto in cui deve aprirsi e permettere la discesa del bambino.

Questo gruppo di muscoli ha quindi anche una valenza legata alle sensazioni ed alle emozioni più profonde della donna.

Siccome il perineo subisce modificazioni durante la vita della donna, sia per l’azione ormonale che varia nelle diverse fasi della vita femminile sia per eventi come il parto, è importante tonificare con esercizi appositi questi muscoli. In questo modo si preserva la loro funzionalità.

La ginnastica perineale andrebbe fatta sempre, ma è necessaria se:

  • si hanno perdite di urine sotto sforzo( sollevamento di pesi, colpi di tosse…)
  • si ha dispareunia ( dolore durante i rapporti sessuali)
  • difficoltà a trattenere i gas
  • fuoriuscita di aria dalla vagina
  • sensazione di pesantezza pelvica
  • stitichezza
  • emorroidi

Naturalmente la ginnastica perineale è consigliata in gravidanza per rendere elastici e tonici i muscoli in modo che siano in grado di cedere durante il parto e di recuperare in seguito la loro funzione. Dopo il parto soprattutto se si è subita un’episiotomia o un parto operativo è fondamentale allenare il perineo e riprendere contatto con questa parte del proprio corpo, per evitare problemi futuri.

Anche la menopausa, portando modifiche fisiche e mentali nella donna, è un periodo in cui è necessario allenare il perineo per ovviare ai problemi dovuti alla diminuzione degli estrogeni, come una minore elasticità ed una ridotta lubrificazione vaginale.

La qualità della vita sessuale migliora se il perineo è tonico ed elastico ed è in grado sia di rilassarsi che di contrarsi.

Per individuare i muscoli del perineo può essere utile trattenere il getto dell’urina durante la minzione. Questo esercizio non va ripetuto perché potrebbe portare al ristagno di urine, ma è utile per capire quali sono i muscoli da allenare.

Gli esercizi proposti sono semplici e possono essere fatti in qualunque momento:

  • immaginare che la vagina sia un ascensore e farlo salire piano piano contraendo sempre di più i muscoli, stando attente a non alzare le spalle o contrarre i glutei.
  • Immaginare di sputare il nocciolo di una ciliegia con i muscoli del perineo.
  • Immaginare di scrivere il proprio nome in corsivo contraendo e rilassando questi muscoli.
  • Immaginare di strizzare una spugna bagnata
  • Sorridere con questi muscoli

Con questi semplici esercizi si può tonificare il pavimento pelvico.

In vista del parto è utile massaggiare il perineo con oli naturali, come olio di mandorle o olio di oliva, al fine di aumentare l’elasticità dei tessuti ed evitare lacerazioni al passaggio del bambino.

Protezione Copyright Attivata!