Endometriosi : analisi del sangue e cura veloce

foto endometriosiCon un semplice test diagnostico sarà possibile scoprire la presenza di endometriosi , consentendo alle donne di curarsi in modo tempestivo. Ciò è quanto afferma lo studio della Fondazione Italiana Endometriosi.

L’endometriosi è una patologia di tipo cronico e complesso che colpisce circa il 10 % delle donne in età riproduttiva. È caratterizzata dalla presenza anomala di tessuto endometriale (il tessuto che riveste la parete interna dell’utero) in altre sedi, quali vagina, intestino, tube, ovaie, peritoneo. Ciò determina frequenti sanguinamenti interni, infiammazioni croniche, comparsa di tessuto cicatriziale, aderenze e può portare all’infertilità.

Solo il 60% delle volte è accompagnato da dolore, soprattutto durante il ciclo mestruale. Ciò significa che è possibile un suo sviluppo in modo asintomatico, tale da portare a conseguenze gravi poiché la donna non si rende conto di poter avere un disturbo. Spesso, infatti, l’endometriosi è diagnosticata durante una visita ginecologica, quando oramai si trova in uno stadio di acclarato sviluppo.

Generalmente un modo per diagnosticare l’endometriosi è la visita ginecologica. A volte sono necessari esami rettali, una risonanza magnetica o perfino una operazione in laparoscopia. Lo studio della Fondazione Italiana Endometriosi rappresenta invece un passo in avanti notevole nella diagnosi, poiché basta che la donna si sottoponga ad un semplice esame del sangue per poter avere certezza di essere affetta o meno da endometriosi.

Il nuovo test, sviluppato dalla equipe di Pietro Giulio Signorile (fondatore e presidente della Fondazione Italiana Endometriosi), consente una diagnosi veloce e non invasiva quando la patologia è ancora in uno stadio lieve. I ricercatori, effettuando uno studio su un campione di donne sane e di donne affette da endometriosi, hanno notato la presenza nelle seconde di una specifica proteina che si crea a seguito della presenza di endometriosi, utilizzando metodiche quali l’analisi del processo di separazione delle proteine.

Ciò significa che, attraverso l’analisi del sangue, è possibile scoprire la presenza o meno di questa proteina e dunque essere certi dell’insorgenza della patologia. Una diagnosi preventiva di endometriosi ha un duplice effetto: da un lato consente alle donne di essere a conoscenza della patologia quando lo stadio di sviluppo è ancora lieve, dunque consentendo cure  veloci, incisive ed in grado di scongiurare seri problemi fisici e rischi di infertilità; d’altra parte permette al servizio sanitario un notevole risparmio di risorse, sia perché le solite tecniche di diagnosi sono ben più costose di un esame del sangue, sia perché sarà possibile scongiurare gran parte delle terapie più invasive, tra le quali anche l’intervento chirurgico.

Don`t copy text!