Ogni viso vuole la sua maschera

face_mask_7udpy

Le maschere di bellezza sono trattamenti dermocosmetici costituiti da un veicolo viscoso nel quale viene incorporata una miscela di principi attivi funzionali con lo scopo di contrastare inestetismi cutanei localizzati principalmente sul viso o, meno spesso, in altre parti del corpo. Il veicolo (base) maggiormente impiegato è dato dalla bentonite, un materiale derivato dalla roccia vulcanica che presenta un’eccellente affinità con moltissime molecole ed è in grado di assorbire una gran quantità di acqua trasformandosi facilmente in una massa densa e gelatinosa, tale da favorirne l’applicazione sulla pelle. Esistono infinite tipologie di maschere per il viso, ognuna delle quali può essere formulata con una specifica combinazione di ingredienti cosmetici e funzionali in base al tipo di pelle.

Pelle grassa

La pelle grassa (come pure quella “mista”) si presenta con un aspetto lucido, particolarmente marcato sulle ali del naso, la fronte ed il mento: è spessa, i suoi pori sono dilatati, con punti neri e comedoni, ed il colorito è piuttosto spento. In queste circostanze è opportuno utilizzare pelle grassamaschere dall’azione detossificante e purificante, a base di argilla, ad esempio, prodotto naturale ricchissimo di sali minerali che esercitano un’azione esfoliante sullo strato corneo. Oltre a ciò, l’argilla svolge un’azione depurativa per la pelle: assorbe tossine ed impurità e, a sua volta, cede i minerali permettendo la rivitalizzazione cutanea. Le maschere formulate per le pelli grasse sono spesso arricchite di tutta una serie di principi attivi astringenti e dermopurificanti, contenuti in estratti come quello di betulla, tè verde, amamelide, bardana e salvia.

Pelle secca

La pelle secca è la più fragile e delicata ed è facilmente irritabile. Caratterizzata da due carenze spesso concomitanti, ossia una debole produzione di fattore idratante, con conseguente disidratazione degli strati superficiali del derma, e un’insufficiente secrezione sebacea, con eccespelle seccasivo impoverimento del naturale mantello lipidico, la pelle secca si trova, così, con una bassa dose di umidità e priva dell’azione protettiva ed emolliente del mantello lipidico fisiologico. Pertanto, essa tende a desquamarsi facilmente alla minima esposizione agli agenti esterni. Per questo tipo di pelle sono indicate maschere che contengano dei principi dalle proprietà nutrienti, idratanti e leviganti per donare luminosità e freschezza al viso. Fra i principali ingredienti cosmetici inseriti in queste maschere ricordiamo gli acidi dolci della frutta o alfa idrossiacidi (acido mandelico, acido glicolico, acido citrico, acido tartarico…) che agiscono positivamente sull’equilibrio tra l’eliminazione delle cellule vecchie di superficie e la produzione di nuove cellule. Nello specifico, gli acidi della frutta sono in grado di sciogliere i legami che uniscono le cellule morte a quelle vive, facilitandone l’allontanamento e, grazie alle loro piccolissime dimensioni, penetrano in profondità, dove favoriscono la riparazione delle fibre di collagene ed elastina. Un altro ingrediente sfruttato per la preparazione di maschere per pelli secche è il miele, per le sue funzionalità toniche ed emollienti. Trattenendo l’umidità restituisce alla pelle il giusto grado di idratazione donando al viso un aspetto più liscio e luminoso.

Pelle sensibile

Altamente sensibile a tutti gli agenti esterni (il freddo e lo smog in inverno, il sole, il vento e la salsedine in estate), questo tipo di epidermide tende ad arrossarsi con estrema facilità. Le maschere realizzate per proteggere la pelle sensibile presentano molto spesso incorporatpelle arrossatae nella base sostanze amilacee e pectine, che conferiscono al prodotto proprietà antipruriginose e sfiammanti. Vengono spesso inseriti anche alcuni estratti dalle proprietà decongestionanti, il più noto dei quali è l’estratto di rusco. Si ottiene dal rizoma di Ruscus aculeatus, appartenente alla famiglia della Liliaceae, il quale contiene principalmente saponine steroidiche (ruscogenine) che mostrano proprietà trofiche e protettive a livello dei vasi sanguigni e una spiccata azione tonica sulla parete vasale che determina un miglioramento evidente della microcircolazione.

Le maschere di bellezza devono essere applicate su pelli accuratamente deterse ed asciutte. In genere, il prodotto va spalmato a partire dal mento, per coprire poi il collo e tutto il viso tranne il contorno occhi e le labbra. Trascorso il tempo necessario, che generalmente è di 15-20 minuti la maschera viso va delicatamente rimossa con acqua tiepida. La frequenza d’applicazione consigliata per le maschere varia in base al tipo di pelle e agli ingredienti funzionali presenti nella ricetta. Alcune maschere (come quelle idratanti ed emollienti) possono essere applicate anche più volte a settimana, mentre altre (specie quelle esfolianti) vanno utilizzate non più di una o due volte al mese.

Protezione Copyright Attivata!