Ematomi o ecchimosi, cause, sintomi e cure

foto lividiIl livido o ematoma o ecchimosi è una raccolta di sangue in un tessuto o in un organo, accumulatasi a seguito della rottura di un vaso ematico, sia questo un capillare od un qualsiasi altro condotto del sistema circolatorio. Il sangue, non trovando vie d’uscita, si concentra e si accumula nella regione compromessa.

L’ematoma è un’affezione della pelle esteticamente indesiderabile che appare in genere in modo improvviso. Normalmente, un ematoma è la conseguenza di un trauma o di un incidente e guarisce bene, ma, in rari casi, può essere il segno di malattie gravi come una leucemia. Gli ematomi [foto: fonte Wikipedia] sono caratterizzati da un colore blu-rosso-nero che varia in funzione del tempo (all’inizio l’ematoma ha un colore e alla fine ha un colore diverso). Vedi la sezione: definizione ematomi.

Gli ematomi sono, nella maggioranza dei casi, la conseguenza di un trauma, ma a volte possono comparire anche a causa di problemi ematologici (come problemi di coagulazione o anemia), a causa di un sovradosaggio di farmaci anticoagulanti o in seguito a un’operazione (chirurgia). Maggiori informazioni alla sezione cause ematomi.

Si distinguono diversi tipi di ematomi oltre all’ematoma « classico » a livello di pelle, come l’ematoma dell’occhio (occhio nero), l’ematoma dell’orecchio o l’ematoma dell’unghia.

In genere gli ematomi sono caratterizzati da dolore, gonfiore e una colorazione caratteristica.

I bambini e le persone anziane sono le categorie più soggette agli ematomi.

Il primo trattamento in caso di ematomi è applicare del ghiaccio (da avvolgere in un panno per evitare bruciature) subito dopo il trauma.

Nella maggior parte dei casi gli ematomi guariscono spontaneamente. Esistono creme a base di arnica, di eparina o di polisolfato che possono aiutare a curare gli ematomi.

Definizione

Gli ematomi sono lesioni cutanee provocate nella maggior parte dei casi da un trauma. Quando i vasi sanguigni che si trovano sotto la pelle subiscono uno shock, il sangue comincia a diffondersi nei tessuti (emorragia). Gli ematomi sono caratterizzati da un colore della pelle che varia tra il blu, il rosso e il nero (vedi la sezione sintomi per capire meglio). Si distinguono gli ematomi dalle ecchimosi, che sono più superficiali e implicano una sacca di sangue minore. In caso di ematomi, le lesioni cutanee sono le più frequenti, seguite dalle lesioni sottocutanee e muscolari. Altri organi e tessuti possono essere colpiti dagli ematomi, come il cervello.

Cause

La maggior parte degli ematomi compare in seguito a uno trauma violento e/o brutale come un colpo (in una rissa), durante l’attività sportiva (il calcio, per esempio) o anche in caso di incidente (caduta di un oggetto, incidente d’auto,…). È necessario sapere che il trauma provoca una rottura dei capillari (piccoli vasi sanguigni) della pelle e ciò causa un accumulo di sangue a livello dei tessuti che porta alla formazione dell’ematoma. In certi casi gli ematomi possono essere causati da un sovradosaggio di farmaci anticoagulanti (antivitamina K, per esempio) o esser la conseguenza di una malattia che interessa la coagulazione sanguigna. Inoltre, gli ematomi possono essere causati da una chirurgia estetica come la liposuzione. In casi rari, gli ematomi possono essere sintomo di una leucemia.

Persone a rischio

– Le persone a rischio di ematomi sono soprattutto i bambini (che giocano molto, per esempio) e le persone anziane (hanno una pelle più fragile e possono cadere più facilmente). È importante osservare che gli ematomi nei bambini e nelle persone anziane possono indicare dei maltrattamenti (violenza, aggressioni, ecc.). Il personale medico e inserviente deve sempre segnalare i casi di maltrattamento alle autorità competenti del proprio paese (polizia, servizi sociali, ecc.). Inoltre, nelle persone anziane, gli ematomi possono indicare cadute che possono essere la conseguenza di un’osteoporosi, dell’uso di determinati farmaci (es. tranquillanti), di una perdita di sensibilità a causa del diabete, di problemi alla vista, ecc. Gli atleti che praticano sport da contatto come il calcio, il rugby, le arti marziali ecc., sono a loro volta più soggetti a ematomi.

Sintomi

In genere si osserva dolore nel punto interessato dal trauma e gonfiore, si nota un colore particolare della ferita , tipico degli ematomi. Il dolore dell’ematoma, comunque, è principalmente legato alle contusioni associate al trauma (incidente) o a cause secondarie (malattia, infezione).

Colore degli ematomi

Gli ematomi all’inizio (dopo il trauma) presentano lesioni di colore blu-nero e sono gonfi; dopo qualche giorno assumono generalmente in colore verde, marroncino o giallo. Infine, in genere dopo una settimana, l’ematoma scompare e la pelle ritorna ad avere un colore normale (chiaro).

Durata degli ematomi

Gli ematomi possono impiegare diversi giorni se non addirittura mesi a scomparire, ciò dipende dalla gravità e dalla superficie interessata dall’ematoma e dalla capacità di ciascun organismo di rigenerare il tessuto danneggiato.

Si può distinguere l’ematoma “normale” (su un braccio, per esempio) dagli ematomi localizzati in alcune parti del corpo e che possono richiedere una maggiore attenzione, come: – A livello dell’occhio, il cosiddetto “occhio nero”. In questo caso è sempre necessario consultare un medico. – A livello dell’orecchi ematoma all’orecchio. – A livello dell’unghia: ematoma all’unghia.

Diagnosi

Gli ematomi superficiali possono esser diagnosticati dal medico in base all’analisi del contesto (traumi, incidenti,…) e in base alla palpazione. In caso di ematomi profondi, il medico può effettuare un’ecografia. Naturalmente gli ematomi profondi o che riguardano il cervello devono essere trattati da un medico con la massima cura.

Complicazioni

Le complicazioni degli ematomi dipendono da numerosi fattori, come per esempio la loro localizzazione. Per l’ematoma all’occhio (occhio nero) può esserci un distacco della retina o una emorragia interna all’occhio. È quindi importante consultare un medico in tutti i casi di ematoma all’occhio. Per l’ematoma all’unghia, può accadere che l’unghia cada. Va detto anche che gli ematomi possono infettarsi (superinfezione) o comprimere un organo vicino. Consultare sempre un medico in caso di complicazioni.

Quando consultare un medico ?

È necessario consultare un medico in caso di ematoma all’occhio (occhio nero), di ematoma a livello di testicoli, all’orecchio soprattutto in caso di aumento di volume e quando un ematoma compare senza motivo (non in seguito a un trauma) perché può essere il segnale di una malattia della coagulazione.

Trattamento

Applicare del ghiaccio (in una borsa apposita o avvolto in un panno per evitare bruciature) o delle compresse fredde al più presto, direttamente dopo il trauma. È vivamente consigliato applicare subito dopo il trauma le compresse fredde per 5 minuti effettuando una leggere pressione sull’ematoma. Ciò aiuta a diminuire la diffusione del sangue in profondità nei tessuti. Il medico può eventualmente perforare l’ematoma per fare uscire il sangue. Eseguire un bendaggio compressivo (in genere fatto dal medico). Applicare creme a base di arnica (una pianta) o di eparina (soprattutto per ecchimosi=”blu”). Antinfiammatori (FANS) come l’ibuprofene per limitare l’infiammazione e il dolore.

Trattamenti particolari:

Per un ematoma su un’unghia, il medico può fare un piccolo foro sull’unghia per fare uscire il sangue

Fitoterapia Esistono due piante medicinali con proprietà per curare gli ematomi:

– l’arnica : sotto forma di crema – l’elicriso (Helichrysum arenarium): sotto forma di crema

Rimedi della nonna

– Tintura di Arnica

– Tintura di calendula

Consigli utili

Come visto nella sezione trattamento degli ematomi, è importante applicare al più presto qualcosa di freddo, per esempio compresse fredde ed effettuare una leggera pressione sulla zona interessata dal trauma per 5 minuti. Ciò aiuta a diminuire il volume dell’ematoma.

 

 

 

Don`t copy text!