L’impetigine

impetigineIn estate, quando i bambini giocano spesso insieme, nella sabbia, al mare o nei parchi, ed è quindi più facile che si scambino oggetti, asciugamani ecc… si manifesta la più comune infezione batterica infantile della cute, l’impetigine.

COS’E’

L’impetigine è un’infezione batterica della cute, è una forma superficiale di piodermite.

I batteri che provocano questa infezione sono in genere lo stafilococco o lo streptococco. Essa si manifesta con lesioni vescicolose o bollose contenenti un liquido sieroso giallastro e circondate da un alone rosso. Le bolle e le vesciche danno poi origine a croste gialle. Sono solitamente molto pruriginose.

Le lesioni si trovano principalmente in zone esposte come viso, braccia e mani ma possono estendersi a tutto l’organismo.

L’impetigine può avere origine sulla cute integra o subentrare ad una lesione come un graffio,  una puntura di insetto, il morso di un parassita(pidocchio o acaro della scabbia) o un eczema. E’ molto contagiosa per contatto con il liquido delle vesciche o con le secrezioni nasali di un bambino infetto. Vi sono fattori che predispongono allo sviluppo di questa patologia, essi sono:

  • macerazione della cute per l’umidità

  • lesioni cutanee

  • alterazione della flora batterica della cute

  • abbassamento delle difese immunitarie

Essendo una patologia molto contagiosa è facile che un bambino la trasmetta ad altri o che toccando le lesioni la diffonda ad altre parti della sua cute, quindi è importante che eviti di grattare le vesciche, che si lavi spesso le mani e che utilizzi asciugamani puliti. Gli oggetti con cui viene a contatto il bambino infetto non devono essere utilizzati da altri.

Se ben curata l’impetigine non lascia segni, ma se trascurata potrebbe diffondersi a livello sistemico causando glomerulonefrite, shock tossico o epidermolisi stafilococcica tossica. Potrebbero poi restare chiazze chiare sulla cute.

CURA

Il trattamento è locale e consiste nella disinfezione delle lesioni dopo lavaggio con soluzione fisiologica, nella rimozione graduale delle croste e nell’applicazione locale di pomate antibiotiche a base di mupirocina, acido fusidico, retapamulina, sulfadiazina argentica o neomicina.

E’ bene, se possibile, bendare la zona delle lesioni per evitare la diffusione dell’infezione.

La terapia sistemica con antbiotici è limitata a casi in cui l’infezione sia molto diffusa, ma va sempre associata alla terapia locale.

Il bambino non è più infetto dopo 24 ore dall’applicazione dell’antibiotico.

CONSIGLI

Come per tutte le infezioni il lavaggio frequente delle mani è la miglior forma di prevenzione. E’ inoltre importante tenere corte le unghie dei bambini per evitare che grattandosi si graffino e contraggano così l’infezione.

Don`t copy text!