Fatica fisica e mentale

stanchezza-mentaleUsare il Ginseng, Eleuterococco e Guaranà per ridare tono ed energia

In periodi critici come i cambi di stagione e in occasione di lavoro o studio intenso, i sintomi di carenza di energia quali stanchezza, perdita di memoria e pessimismo rallentano i nostri ritmi influendo sulle nostre prestazioni fisiche e mentali della vita di tutti i giorni. Un contributo al fisiologico benessere fisico e mentale in queste circostanze può essere fornito dagli attivi di piante quali ginseng, eleuterococco e guaranà.

Ginseng (Panax ginseng)

Il ginseng, di cui viene impiegata la radice per le sue proprietà adattogene e tonificanti, è una pianta erbacea di origine asiatica. Tra i suoi principi attivi, classificati con il nome di ginsenosidi, la componente saponinica risulta essere maggioritaria con la presenza sia dello scheletro di tipo triterpenico sia di quello steroidico. Le saponine del Panax ginseng caratterizzate sono circa una trentina, anche se non si è al momento in grado di definirne le proprietà biologiche in modo specifico. La radice del ginseng viene definita una droga adattogena, termine che non concerne un’azione specifica sull’organismo umano ma che si riferisce a un sostanziale miglioramento delle sue prestazioni qualora questo sia debilitato (sia fisicamente sia psicologicamente). In altre parole il ginseng permette un miglior adattamento dell’intero organismo alle situazioni ambientali negative.

Eleuterococco (Eleutherococcus senticosus)

L’eleuterococco o ginseng russo è un piccolo arbusto spinoso che produce frutti neri e carnosi. I suoi principi attivi, eleuterosidi, a componente saponinica, ai quali vengono attribuite le proprietà adattogene della pianta, sono contenuti nella radice. Hanno la capacità di riportare alle normali condizioni di energia un fisico stanco e affaticato. Favoriscono anche la resistenza dell’organismo allo sforzo, agevolando il recupero. I cosmonauti russi hanno testato queste virtù per ottimizzare il loro adattamento allo spazio.Oltre al loro effetto “adattogeno”, gli attivi dell’eleuterococco contribuiscono alle fisiologiche funzioni cognitive, migliorando la concentrazione, l’attenzione e la memoria.

Guaranà (Paullinia cupana)

Il guaranà è un arbusto originario dell’Amazzonia, utilizzato da tempi remoti dalle popolazioni locali dell’Uruguay e del Paraguay per le virtù stimolanti e fortificanti delle sostanze attive dei suoi semi. Gli effetti sono in gran parte dovuti alla presenza di un tasso particolarmente elevato di caffeina in questi ultimi (dell’ordine del 3-5 %), tuttavia prove comparative tra il guaranà e la caffeina pura dimostrano che altri costituenti agiscono nel guaranà conferendogli proprietà che non possono essere attribuite alla sola presenza di caffeina, quali effetto sul tono dell’umore e miglioramento generale delle prestazioni fisiche e mentali. L’alto tenore di caffeina, inoltre, accelera i processi di demolizione dei grassi, aumenta il metabolismo di base delle cellule e favorisce così l’eliminazione dei grassi immagazzinati nell’organismo.

 

Protezione Copyright Attivata!