La rinite gravidica

La rinite gravidica è un disturbo che colpisce il 60% delle donne in dolce attesa, compare nel secondo trimestre della gravidanza e tende a peggiorare nei mesi successivi. Solitamente scompare entro due settimane dal parto, ma nel 10% dei casi può cronicizzare. E’ una patologia non grave, ma decisamente fastidiosa. Nel caso questa rinite cronicizzi sarà necessario intervenire sui turbinati con la chirurgia.

CAUSE

Causa di questa rinite sono la congestione  e il gonfiore delle mucose nasali dovuti all’aumento di estrogeni e progesterone tipico della gravidanza, questi ormoni agiscono aumentando la vascolarizzazione della mucosa nasale e aumentando la presenza di ghiandole secernenti muco. Estrogeni e progesterone aumentano infatti vascolarizzazione e secrezione a livello di tutte le mucose dell’organismo. Nelle forme più gravi si ha una lesione ai turbinati tre sporgenze ossee rivestite di mucosa site nelle fosse nasali. La mucosa che riveste l’osso, sotto il continuo stimolo ormonale diventa ipertrofica.

SINTOMI

I sintomi sono quelli di una rinite, ma non è presente allergia o infezione virale o batterica. Si ha ostruzione respiratoria nasale ossia naso chiuso, mucorrea scolo di muco a causa dell’aumento delle ghiandole che lo producono, ipoosmia cioè ridotta percezione degli odori, voce nasale, starnuti, prurito e a volte dolore.

CURA

Siccome il problema è legato alla gravidanza non è possibile assumere i farmaci vasocostrittori o cortisonici usati comunemente nelle riniti. Può essere utile fare lavaggi con soluzione fisiologica per mantenere lubrificata la mucosa, ma più indicate sono le nebulizzazioni con ialuronato sodico allo 0,3% che migliora la sintomatologia e mantiene la mucosa idratata e le secrezioni fluide.

CONSIGLI

E’ importante non sottovalutare il problema perchè anche se si risolverà da solo, la respirazione nasale insufficiente può peggiorare la qualità della vita della mamma e danneggiare il feto. E’ stata dimostrata una relazione tra respirazione nasale insufficiente e aumento di ipertensione gestazionale, ritardo di crescita intrauterina, e minor benessere del neonato alla nascita. Mantenere il naso libero serve perchè questo organo possa svolgere al meglio la sua funzione sia respiratoria che di filtro dell’aria inspirata da batteri e virus causa di infezioni.

Protezione Copyright Attivata!