Sport in gravidanza

E’ ormai noto a tutti che praticare un’attività fisica fa bene a tutte le età, ma forse non tutti sanno che in gravidanza è utile non solo alla mamma ma anche al feto.

Benefici dello sport per la futura mamma.
Praticare sport in gravidanza è importante sia a livello fisico che psicologico.
La donna, praticando un’attività sportiva, evita l’aumento eccessivo di peso che comporta maggiori rischi per lei stessa e per il nascituro.
Inoltre mantiene tonica la muscolatura con risvolti positivi al momento del parto e una più veloce e completa ripresa dopo il parto.
Infatti l’utero si contrae grazie alla sua muscolatura che se è più tonica riesce a produrre contrazioni più vigorose riducendo i tempi del travaglio, favorendo il ritorno dell’utero stesso alle sue dimensioni originarie dopo il parto ed evitando emorragie post parto.
L’attività fisica favorisce anche il sonno della gestante che spesso pur essendo stanca non riesce a riposare.
Inoltre facendo movimento si aiuta il ritorno venoso del sangue dagli arti inferiori evitando i frequenti gonfiori e la formazione di varici.
Anche la pressione arteriosa viene mantenuta più facilmente nei limiti e si può contrastare, con un’attività fisica quotidiana, il diabete gestazionale.
La pratica sportiva migliora anche la capacità respiratoria.
Si hanno poi benefici psicologici in quanto durante l’attività sportiva vengono rilasciate endorfine
che migliorano l’umore e la fiducia nelle proprie risorse e capacità, rendono più facile il rilassamento e fanno percepire meno intensamente i malesseri associati alla gravidanza.

Benefici dello sport per il feto.
A questo punto, si capisce, come tutte le donne in gravidanza traggano giovamento dalla pratica sportiva, ma non sono solo loro a beneficiarne, infatti , secondo uno studio condotto dalla University of Montreal e dall’ospedale pediatrico CHU Sainte-Justine, i bambini nati da una donna che ha praticato sport in gravidanza hanno una maggiore e migliore maturazione cerebrale rispetto a quelli nati da una donna sedentaria.
Inoltre il feto trae certamente beneficio dalla condizione di benessere e tranquillità che la mamma raggiunge durante e dopo l’attività fisica.

Sport indicati in gravidanza.
Certo non tutti gli sport sono indicati in gravidanza.
Si devono evitare quelli che possono esporre a traumi, cadute o eccessive sollecitazioni come lo sci e l’equitazione, quelli che prevedono contatto corpo a corpo per il rischio di traumi all’addome e le partite di ogni genere per il rischio di contatti violenti con gli altri giocatori.
Si può andare in bicicletta evitando percorsi sconnessi e strade troppo trafficate sia per il pericolo che per l’aria inquinata che si respirerebbe.
Consigliati sono il nuoto e le varie attività in acqua, non si sente il peso del corpo e ci si muove più agevolmente sfruttando il massaggio dell’acqua.
Vanno anche molto bene le passeggiate che sono consigliate anche a termine gravidanza per far partire il travaglio.
Utili Pilates e yoga che rilassano la gestante.
Anche la danza del ventre è piacevole ed utile, prevede movimenti che sono antalgici in travaglio e facilitano la discesa del bambino.
Naturalmente bisogna distinguere tra chi praticava sport già prima della gravidanza e chi invece era sedentaria.
Nel primo caso, la donna può continuare la sua attività, magari rallentando i ritmi, in quanto già allenata.
Nel secondo caso invece, non ci si dovrebbe cimentare in una attività sportiva nuova di cui si devono apprendere le tecniche, meglio scegliere un’attività piacevole o di facile apprendimento come l’acqua gym o le passeggiate.

Conclusioni.
Visti tutti questi benefici, se siete donne sportive non abbandonate la vostra buona abitudine durante la gravidanza e se non lo siete cogliete l’occasione per sperimentare l’utilità dell’attività fisica , anche solo di una bella camminata, magari poi anche dopo il parto continuerete a praticarla.

Leave a Reply