La pillola dell’amica

L’ha preso la mia amica ed ha funzionato quindi la prendo anche io!”

Le pillole, ovvero i farmaci, di automedicazione o con ricetta non importa, rimangono sostanze farmacologicamente attive con possibili effetti collaterali anche molto gravi. Ogni persona può rispondere in modo differente ai farmaci e sovente per la stessa patologia possono concorrere fattori diversi, che vanno comunque attentamente considerati per trovare una soluzione efficace.

Nell’era dell’informazione accessibile a tutti tramite internet, i media e con gli strumenti che la tecnologia ci mette a disposizione, le persone sono in grado di documentarsi su questo o quel problema, specie sulla salute, ancora prima di recarsi dal medico o dallo specialista, e sovente si sono fatti già l’autodiagnosi, cura ed esiti della stessa.

Se quindi da un lato l’informazione ed il sapere rende più consapevole il paziente, non va mai dimenticato che un conto è un indicazione letta da qualche parte, mentre la diagnosi è compito esclusivo del medico.

Siamo sempre di corsa e passare dal proprio medico per piccoli disturbi comporta perdere molto tempo a causa del carico burocratico sempre maggiore che viene richiesto loro, per cui capisco sia più sbrigativa una veloce ricerca su internet o “l’amica”, ma chiedere al vostro farmacista di fiducia potrebbe darvi certamente la risposta che cercate in modo più sicuro ed in tempi comunque rapidi.

Il farmaco non è un giocattolo e come tale non bisogna abusarne.

E ricordatevi che la ricetta medica è un atto dovuto a norma di legge e serve per limitare l’abuso di farmaci che potrebbero avere effetti collaterali importanti.

 

Leave a Reply