Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

Ipertensione arteriosa: nuovi valori di riferimento

Condividi con:

Dalla società cardiologica degli Stati Uniti arrivano nuovi parametri di riferimento per quanto concerne la definizione di ipertesione arteriosa ritoccando al ribasso i vecchi parametri. Per dirla in sintesi un soggetto sano adulto dovrebbe avere una pressione media di 80 mm Hg per la minima o “diastolica” e di 120 mm Hg per la massima o “sistolica”. I nuovi valori indicano come segue:

min 80 circa e max 120-129  pressione elevata

min da 80 a 89 e max da 130 a 139 ipertensione di stadio 1

min oltre 90 e max oltre 140 ipertensione di stadio 2

min oltre 120 e max oltre 180 crisi ipertensiva

La pressione elevata di norma si può controllare riducendo nella dieta l’apporto di molte quantità di sale da cucina e cibi stagionati sotto sale, come l’assunzione di integratori salini.

L’ipertensione di stadio 1 richiede una dieta più ferrea ma non è il caso di ricorrere a farmaci se non ci sono passati di stroke (eventi avversi cardiovascolari), al contrario di quanto avviene con lo stadio 2 in cui il controllo della pressione mediante farmaci è pressochè obbligatorio al fine di prevenzione.

Durante la crisi ipertensiva invece alcuni organi interni potrebbero andare in sofferenza quindi è importante fare ricorso ad un immediato adeguamento della terapia sentendo il proprio medico o recarsi presso il pronto soccorso per accertamenti.

Ricordiamo che la singola misurazione è importante se eseguita a riposo, durante lo sforzo infatti è fisiologico l’aumento pressorio per via dell’aumentato numero di battiti cardiaci; misure sequenziali inoltre non sono affidabili se non passano almeno 5 minuti una dall’altra per permettere un ritorno alla normalità dei vasi sanguini del braccio che sono appena stati compressi.

Buona prassi è segnare su un foglio o una agendina la misurazione “casalinga” o in farmacia della pressione per valutare l’andamento nel corso del tempo se si è in terapia o anche come semplice controllo del proprio sistema circolatorio. Consiglio infine di eseguire la misurazione indicativamente sempre alla stessa ora.

Rispondi