Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

L’otite nel gatto

Condividi con:

foto vetcare otoL’otite è un’infiammazione dell’orecchio che nel gatto può essere causata da infezioni scatenate da parassiti e batteri o da corpi estranei che irritano il condotto uditivo del micio.

Dal momento che l’orecchio si divide in tre sezioni (esterno, interno e medio), in base all’area interessata dall’infiammazione, avremo otite media, otite esterna o otite interna. Generalmente l’infiammazione ha origine dall’esterno in forma più lieve e se non viene trattata tempestivamente può estendersi al resto dell’orecchio.

Bisogna dunque stare molto attenti, perché se arriva alla parte interna dell’orecchio, quella più vicina al cervello, il gatto potrebbe anche incorrere in sordità.

Un gatto che soffre di otite sviluppa sintomi come inappetenza, perdita temporanea dell’udito, vomito, tendenza a scuotere la testa ed a reclinare il capo da un lato. Inoltre cerca di grattarsi continuamente l’orecchio, prova dolore quando viene toccato alla testa e può avere delle perdite di materiale organico dal condotto .

In caso il gatto soffra di otite è necessario portarlo dal veterinario che gli prescriverà gocce antibiotiche per le otiti causate da batteri, oppure farmaci antiparassitari per il lavaggio del condotto auricolare ed infine disinfettanti per tenere pulito il canale auricolare, rimuovendo anche la presenza di eventuali acari e di cerume che si sono depositati all’interno dell’orecchio. Nel caso in cui l’otite è diventata cronica poiché è trascorso molto tempo, è necessario somministrare degli antibiotici sia in gocce che in compresse, e queste ultime, si devono ridurre in polvere e mescolarle nel cibo del gatto, generalmente ogni 12 ore. I felini essendo degli animali molto puliti, cercheranno di pulire il piatto e leccarlo, quindi ingerendo sicuramente tutto il medicinale. Durante la fase acuta della malattia, non bisogna bagnargli le orecchie o nell’eventualità che ciò accada, è meglio asciugarlo immediatamente, e inoltre non bisogna farlo uscire neanche fuori al balcone soprattutto in inverno, per evitare che il freddo possa far aumentare ancora di più il dolore.

L’otite può colpire un solo orecchio o entrambi, ma con un po’ di pazienza e seguendo attentamente ciò che ha prescritto il veterinario in circa una settimana di cure, il gatto tornerà in splendida forma. Inoltre per evitare che questa patologia si possa ripresentare, è necessario portarlo periodicamente dal medico per vedere se ci sono degli acari o del cerume, che potrebbero anche essere la causa di una eventuale infezione futura. I farmaci per curarlo sono reperibili in molte farmacie, mentre le gocce si acquistano anche nei negozi che vendono i prodotti per gli animali. I lavaggi periodici del padiglione auricolare, sia del cane e del gatto e la loro pulizia, sono consigliabili periodicamente, anche se non vi sono sintomi di alcuna malattia.

Per i lavaggi auricolari ottimi i nostri prodotti ottimi il nostro prodotto VETCARE ClorexylOto e Derma Aktiv Lotion – Padiglione auricolare

VETCARE ClorexylOto è una soluzione specifica per l’igiene, detersione ed acidificazione del canale auricolare di cani, gatti, furetti e conigli. Sfruttando le ben note proprietà della clorexidina, risulta utile come trattamento coadiuvante la terapia delle otiti e dermatiti del padiglione auricolare.

Derma Aktiv Lotion – Padiglione auricolare è lozione è a base di estratti erbali con un potente effetto anti infiammatorio ed antipruriginoso. Scelta ottimale per le infiammazioni del padiglione auricolare grazie all’azione anti batterica, anti micotica ed anti virale degli estratti erbali che la compongono, lenisce il prurito e riequilibra la cute del padiglione auricolare. Può essere utilizzata quotidianamente per la pulizia di soggetti particolarmente soggette ad irritazioni

In collaborazione con il sito di e.commerce www.pharmaanimals.com

 Logo PharmaAnimals scritta + animali

Condividi con:

Rispondi