Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

Come pulire gli occhi dl gatto

Condividi con:

foto occhi gattoI nostri felini domestici, sono animali molto attenti all’igiene personale, ma gli occhi sono per loro una parte tanto delicata e importante quanto difficile da pulire. Secrezioni giallastre non troppo abbondanti, che si seccano in qualche ora formando una crosticina sono del tutto fisiologiche: possono essere rimosse in pochi semplici passi senza arrecare fastidio al gatto, prevenendo l’insorgere di spiacevoli congiuntiviti o blefariti. Possiamo anche approfittare di questo momento per controllare lo stato di salute generale degli occhi: se si notano evidenti arrossamenti, rigonfiamenti o l’animale si gratta insistentemente è bene sospendere l’operazione e contattare il veterinario.

 

Occorrente :

Assicurati di avere a portata di mano:

  • Una garza morbida o un dischetto di cotone
  • Acqua fisiologica e/o infuso di camomilla
  • Collirio se suggerito dal veterinario

Le normali attività di pulizia oculare richiedono meno di due minuti e andrebbero effettuate a seconda delle esigenze: Exotic, Persiani e tutti i gatti con il muso appiattito e bulbo oculare particolarmente sporgente necessitano generalmente di maggiori cure, a causa di una secrezione più abbondante e frequente; per tutti gli altri il più delle volte basta una volta a settimana. È preferibile non utilizzare il comune cotone idrofilo in quanto potrebbe lasciare fastidiosi residui sotto forma di filamenti attaccati all’occhio: meglio una garza sterile o eventualmente un dischetto di cotone compresso, imbevuti di soluzione fisiologica o infuso di camomilla. Quest’ultima ha note proprietà lenitive e decongestionanti, ed è un ingrediente spesso presente in molti colliri e soluzioni oculari sia ad uso umano che animale. In mancanza d’altro si può utilizzare dell’acqua preventivamente sbollentata e lasciata intiepidire.

Avvicinandoci al gatto in un momento in cui è tranquillo non dovremmo avere problemi: nel caso in cui il micio non fosse abituato alla procedura, potremmo prima accarezzarlo e rassicurarlo con la voce, in questo modo non si agiterà inutilmente tentando di scappare e non lo sottoporremo ad uno stress inutile. Basta afferrare delicatamente la testa del gatto rimanendo alle sue spalle e passare la garza imbevuta sopra gli occhi, partendo dall’angolo interno, applicando una leggerissima pressione.

 

 

 

Rispondi