Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

La contraccezione d’emergenza

Condividi con:

Per contraccezione d’emergenza si intende l’uso di metodi contraccettivi dopo un rapporto a rischio ossia un rapporto che non ha visto l’utilizzo di altri metodi contraccettivi o durante il quale il preservativo si è danneggiato o prima del quale ci si è resi conto di aver dimenticato l’assunzione della pillola anticoncezionale. La contraccezione di emergenza si attua con l’assunzione da parte della donna di una pillola detta comunemente pillola del giorno dopo o dei cinque giorni dopo.

La contraccezione di emergenza non è un metodo abortivo secondo l’OMS.

Secondo l’OMS una gravidanza ha inizio nel momento in cui l’ovulo fecondato si impianta nell’utero materno, la pillola del giorno dopo agisce prima. Essa blocca o ritarda l’ovulazione, nel caso questa sia già avvenuta, impedisce all’ovocita di arrivare in utero o di impiantarsi in esso. Non funziona se ci sono già stati  fecondazione ed impianto.

L’efficacia della pillola del giorno dopo dipende dal momento in cui la si assume, è massima entro 24 ore dal rapporto a rischio e poi si riduce. La pillola va infatti presa entro 72 ore dal rapporto a rischio. Invece la pillola dei cinque giorni dopo è efficace se presa entro 5 giorni dal rapporto a rischio.

Le pillole sono due: Norlevo® a base di levonorgestrel un progestinico di sintesi e EllaOne® a base di Ulipristal acetato. La prima è da assumere entro 72 ore dal rapporto a rischio mentre la seconda è efficace se assunta entro 5 giorni. Queste pillole se assunte prima dell’ovulazione la bloccano mentre se l’ovulazione c’è già stata agiscono impedendo l’impianto in utero perchè creano condizioni ormonali sfavorevoli ad esso. Se la gravidanza si è già instaurata non succede nulla. Norlevo® non ha effetti dannosi sull’embrione mentre prima di assumere EllaOne® è necessario un test di gravidanza perchè il farmaco è dannoso per l’embrione.

E’ importante sapere che non sono riportati gravi effetti collaterali a seguito dell’assunzione di questi farmaci. E’ possibile avere lievi sanguinamenti uterini dopo ed è possibile che le mestruazioni successive siano ritardate o anticipate, ma già dal ciclo successivo tutto torna nella norma. È anche possibile avere episodi di nausea e vomito e mal di testa.

Norlevo® non ha interazioni con la pillola anticoncezionale mentre EllaOne® la rende inattiva per ciò per quel ciclo ed i primi 7 giorni del ciclo successivo si devono utilizzare altri metodi contraccettivi.

Queste pillole sono acquistabili solo con una ricetta non ripetibile che si può ottenere dal proprio medico o in consultorio.

CONSIGLI

Questi metodi contraccettivi devono rimanere metodi di emergenza quindi è opportuno ricorrere ad altri metodi e soprattutto ricordarsi delle malattie sessualmente trasmissibili per evitare le quali è necessario il preservativo.

Rimane il dibattito sul fatto che queste pillole siano considerate abortive o no. Il problema resta, perchè dipende quando si considera che la vita abbia inizio se nel momento del concepimento o dell’impianto dell’ ovulo fecondato in utero. Se si considera l’inizio della vita il momento del concepimento si deve tenere presente che questi farmaci possono agire a concepimento già avvenuto.

Rispondi